1
Samuele prese allora l'ampolla dell'olio e gliela versò sulla testa, poi lo baciò dicendo: «Ecco: il Signore ti ha unto capo sopra Israele suo popolo.
Tu avrai potere sul popolo del Signore e tu lo libererai dalle mani dei nemici che gli stanno intorno.
Questo ti sarà il segno che proprio il Signore ti ha unto capo sulla sua casa:
2
oggi, quando sarai partito da me, troverai due uomini presso il sepolcro di Rachele sul confine con Beniamino in Zelzach.
Essi ti diranno: Sono state ritrovate le asine che sei andato a cercare.
Ecco tuo padre non bada più alla faccenda delle asine, ma è preoccupato di voi e va dicendo: Che devo fare per mio figlio?
3
Passerai in fretta di là e andrai oltre;
quando arriverai alla quercia del Tabor, vi troverete tre uomini in viaggio per salire a Dio in Betel: uno porterà tre capretti, l'altro porterà tre pani rotondi, il terzo porterà un otre di vino.
4
Ti domanderanno se stai bene e ti daranno due pani, che tu prenderai dalle loro mani.
5
Giungerai poi a Gàbaa di Dio, dove c'è una guarnigione di Filistei e mentre entrerai in città, incontrerai un gruppo di profeti che scenderanno dall'altura preceduti da arpe, timpani, flauti e cetre, in atto di fare i profeti.
6
Lo spirito del Signore investirà anche te e ti metterai a fare il profeta insieme con loro e sarai trasformato in un altro uomo.
7
Quando questi segni che ti riguardano saranno accaduti, farai come vorrai, perché Dio sarà con te.
8
Tu poi scenderai a Gàlgala precedendomi.
Io scenderò in seguito presso di te per offrire olocausti e immolare sacrifici di comunione.
Sette giorni aspetterai, finché io verrò a te e ti indicherò quello che dovrai fare».


Ritorno di Saul

9
Ed ecco, quando quegli ebbe voltato le spalle per partire da Samuele, Dio gli mutò il cuore e tutti questi segni si verificarono il giorno stesso.
10
I due arrivarono là a Gàbaa ed ecco, mentre una schiera di profeti avanzava di fronte a loro, lo spirito di Dio lo investì e si mise a fare il profeta in mezzo a loro.
11
Allora quanti lo avevano conosciuto prima, vedendolo d'un tratto fare il profeta con i profeti, si dissero l'un l'altro fra la gente: «Che è accaduto al figlio di Kis? E' dunque anche Saul tra i profeti?».
12
Uno del luogo disse: «E chi è il loro padre?».
Per questo passò in proverbio l'espressione: «E' dunque anche Saul tra i profeti?».
13
Quando ebbe terminato di profetare andò sull'altura.
14
Lo zio di Saul chiese poi a lui e al suo servo: «Dove siete andati?».
Rispose: «A cercare le asine e, vedendo che non c'erano, ci siamo recati da Samuele».
15
Lo zio di Saul soggiunse: «Suvvia, raccontami quello che vi ha detto Samuele».
16
Saul rispose allo zio: «Ci ha assicurato che le asine erano state ritrovate».
Ma non gli riferì il discorso del regno, che gli aveva tenuto Samuele.


Saul è sorteggiato re

17
Samuele radunò il popolo davanti a Dio in Mizpa
18
e disse a tutti gli Israeliti: «Dice il Signore Dio d'Israele: Io ho fatto uscire Israele dall'Egitto e l'ho liberato dalla mano degli Egiziani e dalla mano di tutti i regni che vi opprimevano.
19
Ma voi oggi avete ripudiato il vostro Dio, il quale solo vi salva da tutti i vostri mali e da tutte le angosce.
E avete detto: No, costituisci un re sopra di noi! Ora presentatevi a Dio distinti per tribù e per famiglie».
20
Samuele fece accostare ogni tribù d'Israele e fu sorteggiata la tribù di Beniamino.
21
Fece poi accostare la tribù di Beniamino distinta per famiglie e fu sorteggiata la famiglia di Matri.
Fece allora venire la famiglia di Matri per singoli individui e fu sorteggiato Saul figlio di Kis.
Si misero a cercarlo ma non si riuscì a trovarlo.
22
Allora consultarono di nuovo il Signore: «E' venuto qui l'uomo o no?».
Rispose il Signore: «Eccolo nascosto in mezzo ai bagagli».
23
Corsero a prenderlo di là e fu presentato al popolo: egli sopravanzava dalla spalla in su tutto il popolo.
24
Samuele disse a tutta la folla: «Vedete dunque che l'ha proprio eletto il Signore, perché non c'è nessuno in tutto il popolo come lui».
Tutto il popolo proruppe in un grido: «Viva il re!».
25
Samuele espose a tutto il popolo i diritti del regno e li scrisse in un libro che depositò davanti al Signore.
Poi Samuele congedò tutto il popolo perché andasse ognuno a casa sua.
26
Anche Saul tornò a casa in Gàbaa e con lui si accompagnarono uomini valenti ai quali Dio aveva toccato il cuore.
27
Ma altri, individui spregevoli, dissero: «Potrà forse salvarci costui?».
Così lo disprezzarono e non vollero portargli alcun dono.