Davide a Keila

1
Riferirono a Davide: «Ecco i Filistei assediano Keila e saccheggiano le aie».
2
Davide consultò il Signore chiedendo: «Devo andare? Riuscirò a battere questi Filistei?».
Rispose il Signore: «Và perché sconfiggerai i Filistei e libererai Keila».
3
Ma gli uomini di Davide gli dissero: «Ecco, noi abbiamo gia da temere qui in Giuda, tanto più se andremo a Keila contro le forze dei Filistei».
4
Davide consultò di nuovo il Signore e il Signore gli rispose: «Muoviti e scendi a Keila, perché io metterò i Filistei nelle tue mani».
5
Davide con i suoi uomini scese a Keila, assalì i Filistei, portò via il loro bestiame e inflisse loro una grande sconfitta.
Così Davide liberò gli abitanti di Keila.
6
Quando Ebiatar figlio di Achimelech si era rifugiato presso Davide, l'efod era nelle sue mani e con quello era sceso a Keila.
7
Fu riferito a Saul che Davide era giunto a Keila e Saul disse: «Dio l'ha messo nelle mie mani, perché si è messo in una trappola venendo in una città con porte e sbarre».
8
Saul chiamò tutto il popolo alle armi per scendere a Keila e assediare Davide e i suoi uomini.
9
Quando Davide seppe che Saul veniva contro di lui macchinando disegni iniqui, disse al sacerdote Ebiatar: «Porta qui l'efod».
10
Davide disse: «Signore, Dio d'Israele, il tuo servo ha sentito dire che Saul cerca di venire contro Keila e di distruggere la città per causa mia.
11
Mi metteranno nelle sue mani i cittadini di Keila? Scenderà Saul, come ha saputo il tuo servo? Signore, Dio d'Israele, fallo sapere al tuo servo».
Il Signore rispose: «Scenderà».
12
Davide aggiunse: «I cittadini di Keila mi consegneranno nelle mani di Saul con i miei uomini?».
Il Signore rispose: «Ti consegneranno».
13
Davide si alzò e uscì da Keila con la truppa, circa seicento uomini, e andò vagando senza mèta.
Fu riferito a Saul che Davide era fuggito da Keila ed egli rinunziò all'azione.
14
Davide andò a dimorare nel deserto in luoghi impervii, in zona montuosa, nel deserto di Zif e Saul lo ricercava sempre;
ma Dio non lo mise mai nelle sue mani.


Davide a Corsa.
Visita di Gionata


15
Davide sapeva che Saul era uscito a cercare la sua vita.
Intanto Davide stava nel deserto di Zif, a Corsa.
16
Allora Giònata figlio di Saul si alzò e andò da Davide a Corsa e ne rinvigorì il coraggio in Dio.
17
Poi gli disse: «Non temere: la mano di Saul mio padre non potrà raggiungerti e tu regnerai su Israele mentre io sarò a te secondo.
Anche Saul mio padre lo sa bene».
18
Essi strinsero un patto davanti al Signore.
Davide rimase a Corsa e Gionata tornò a casa.


Davide sfugge di un soffio a Saul

19
Ma alcuni uomini di Zif vennero a Gàbaa da Saul per dirgli: «Non sai che Davide è nascosto presso di noi fra i dirupi?
20
Ora, atteso il tuo desiderio di scendere, o re, scendi e sapremo metterlo nelle mani del re».
21
Rispose Saul: «Benedetti voi nel nome del Signore, perché vi siete presi a cuore la mia causa.
22
Andate dunque, informatevi ancora, accertatevi bene del luogo dove muove i suoi passi e chi lo ha visto là, perché mi hanno detto che egli è molto astuto.
23
Cercate di conoscere tutti i nascondigli nei quali si rifugia e tornate a me con la conferma.
Allora verrò con voi e, se sarà nel paese, lo ricercherò in tutti i villaggi di Giuda».
24
Si alzarono e tornarono a Zif precedendo Saul.
Davide e i suoi uomini erano nel deserto di Maon, nell'Araba a meridione della steppa.
25
Saul andò con i suoi uomini per ricercarlo.
Ma la cosa fu riferita a Davide, il quale scese presso la rupe, rimanendo nel deserto di Maon.
Lo seppe Saul e seguì le tracce di Davide nel deserto di Maon.
26
Saul procedeva sul fianco del monte da una parte e Davide e i suoi uomini sul fianco del monte dall'altra parte.
Davide cercava in ogni modo di sfuggire a Saul e Saul e i suoi uomini accerchiavano Davide e i suoi uomini per prenderli.
27
Ma arrivò un messaggero a dire a Saul: «Vieni in fretta, perché i Filistei hanno invaso il paese».
28
Allora Saul cessò di inseguire Davide e andò contro i Filistei.
Per questo chiamarono quel luogo: Rupe della separazione.