Soggiorno a Malta

1
Una volta in salvo, venimmo a sapere che l'isola si chiamava Malta.
2
Gli indigeni ci trattarono con rara umanità;
ci accolsero tutti attorno a un gran fuoco, che avevano acceso perché era sopraggiunta la pioggia ed era freddo.
3
Mentre Paolo raccoglieva un fascio di sarmenti e lo gettava sul fuoco, una vipera, risvegliata dal calore, lo morse a una mano.
4
Al vedere la serpe pendergli dalla mano, gli indigeni dicevano tra loro: «Certamente costui è un assassino, se, anche scampato dal mare, la Giustizia non lo lascia vivere».
5
Ma egli scosse la serpe nel fuoco e non ne patì alcun male.
6
Quella gente si aspettava di vederlo gonfiare e cadere morto sul colpo, ma, dopo avere molto atteso senza vedere succedergli nulla di straodinario, cambiò parere e diceva che era un dio.
7
Nelle vicinanze di quel luogo c'era un terreno appartenente al "primò'dell'isola, chiamato Publio;
questi ci accolse e ci ospitò con benevolenza per tre giorni.
8
Avvenne che il padre di Publio dovette mettersi a letto colpito da febbri e da dissenteria;
Paolo l'andò a visitare e dopo aver pregato gli impose le mani e lo guarì.
9
Dopo questo fatto, anche gli altri isolani che avevano malattie accorrevano e venivano sanati;
10
ci colmarono di onori e al momento della partenza ci rifornirono di tutto il necessario.


Da Malta a Roma

11
Dopo tre mesi salpammo su una nave di Alessandria che aveva svernato nell'isola, recante l'insegna dei Diòscuri.
12
Approdammo a Siracusa, dove rimanemmo tre giorni
13
e di qui, costeggiando, giungemmo a Reggio.
Il giorno seguente si levò lo scirocco e così l'indomani arrivammo a Pozzuoli.
14
Qui trovammo alcuni fratelli, i quali ci invitarono a restare con loro una settimana.
Partimmo quindi alla volta di Roma.
15
I fratelli di là, avendo avuto notizie di noi, ci vennero incontro fino al Foro di Appio e alle Tre Taverne.
Paolo, al vederli, rese grazie a Dio e prese coraggio.
16
Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per suo conto con un soldato di guardia.


Presa di contatto con i Giudei di Roma

17
Dopo tre giorni, egli convocò a sé i più in vista tra i Giudei e venuti che furono, disse loro: «Fratelli, senza aver fatto nulla contro il mio popolo e contro le usanze dei padri, sono stato arrestato a Gerusalemme e consegnato in mano dei Romani.
18
Questi, dopo avermi interrogato, volevano rilasciarmi, non avendo trovato in me alcuna colpa degna di morte.
19
Ma continuando i Giudei ad opporsi, sono stato costretto ad appellarmi a Cesare, senza intendere con questo muovere accuse contro il mio popolo.
20
Ecco perché vi ho chiamati, per vedervi e parlarvi, poiché è a causa della speranza d'Israele che io sono legato da questa catena».
21
Essi gli risposero: «Noi non abbiamo ricevuto nessuna lettera sul tuo conto dalla Giudeaalcuno dei fratelli è venuto a riferire o a parlar male di te.
22
Ci sembra bene tuttavia ascoltare da te quello che pensi;
di questa setta infatti sappiamo che trova dovunque opposizione».


Dichiarazione di Paolo ai Giudei di Roma

23
E fissatogli un giorno, vennero in molti da lui nel suo alloggio;
egli dal mattino alla sera espose loro accuratamente, rendendo la sua testimonianza, il regno di Dio, cercando di convincerli riguardo a Gesù, in base alla Legge di Mosè e ai Profeti.
24
Alcuni aderirono alle cose da lui dette, ma altri non vollero credere
25
e se ne andavano discordi tra loro, mentre Paolo diceva questa sola frase: «Ha detto bene lo Spirito Santo, per bocca del profeta Isaia, ai nostri padri:
26
Và da questo popolo e dì loro:
Udrete con i vostri orecchi, ma non comprenderete;
guarderete con i vostri occhi, ma non vedrete.
27
Perché il cuore di questo popolo si è indurito:
e hanno ascoltato di mala voglia con gli orecchi;
hanno chiuso i loro occhi
per non vedere con gli occhi
non ascoltare con gli orecchi,
non comprendere nel loro cuore e non convertirsi,
perché io li risani.
28
Sia dunque noto a voi che questa salvezza di Dio viene ora rivolta ai pagani ed essi l'ascolteranno!».
29
.


Epilogo

30
Paolo trascorse due anni interi nella casa che aveva preso a pigione e accoglieva tutti quelli che venivano a lui,
31
annunziando il regno di Dio e insegnando le cose riguardanti il Signore Gesù Cristo, con tutta franchezza e senza impedimento.