VISIONE DI DANIELE: IL MONTONE E IL CAPRO
La visione


1
Il terzo anno del regno del re Baldassàr, io Daniele ebbi un'altra visione dopo quella che mi era apparsa prima.
2
Quand'ebbi questa visione, mi trovavo nella cittadella di Susa, che è nella provincia dell'Elam, e mi sembrava, in visione, di essere presso il fiume Ulai.
3
Alzai gli occhi e guardai;
ecco un montone, in piedi, stava di fronte al fiume.
Aveva due corna alte, ma un corno era più alto dell'altro, sebbene fosse spuntato dopo.
4
Io vidi che quel montone cozzava verso l'occidente, il settentrione e il mezzogiorno e nessuna bestia gli poteva resistere, né alcuno era in grado di liberare dal suo potere: faceva quel che gli pareva e divenne grande.
5
Io stavo attento ed ecco un capro venire da occidente, sulla terra, senza toccarne il suolo: aveva fra gli occhi un grosso corno.
6
Si avvicinò al montone dalle due corna, che avevo visto in piedi di fronte al fiume, e gli si scagliò contro con tutta la forza.
7
Dopo averlo assalito, lo vidi imbizzarrirsi e cozzare contro di lui e spezzargli le due corna, senza che il montone avesse la forza di resistergli;
poi lo gettò a terra e lo calpestò e nessuno liberava il montone dal suo potere.
8
Il capro divenne molto potente;
ma quando fu diventato grande, quel suo gran corno si spezzò e al posto di quello sorsero altre quattro corna, verso i quattro venti del cielo.
9
Da uno di quelli uscì un piccolo corno, che crebbe molto verso il mezzogiorno, l'oriente e verso la Palestina:
10
s'innalzò fin contro la milizia celeste e gettò a terra una parte di quella schiera e delle stelle e le calpestò.
11
S'innalzò fino al capo della milizia e gli tolse il sacrificio quotidiano e fu profanata la santa dimora.
12
In luogo del sacrificio quotidiano fu posto il peccato e fu gettata a terra la verità;
ciò esso fece e vi riuscì.
13
Udii un santo parlare e un altro santo dire a quello che parlava: «Fino a quando durerà questa visione: il sacrificio quotidiano abolito, la desolazione dell'iniquità, il santuario e la milizia calpestati?».
14
Gli rispose: «Fino a duemilatrecento sere e mattine: poi il santuario sarà rivendicato».


L'Angelo Gabriele spiega la visione

15
Mentre io, Daniele, consideravo la visione e cercavo di comprenderla, ecco davanti a me uno in piedi, dall'aspetto d'uomo;
16
intesi la voce di un uomo, in mezzo all'Ulai, che gridava e diceva: «Gabriele, spiega a lui la visione».
17
Egli venne dove io ero e quando giunse, io ebbi paura e caddi con la faccia a terra.
Egli mi disse: «Figlio dell'uomo, comprendi bene, questa visione riguarda il tempo della fine».
18
Mentre egli parlava con me, caddi svenuto con la faccia a terra;
ma egli mi toccò e mi fece alzare.
19
Egli disse: «Ecco io ti rivelo ciò che avverrà al termine dell'ira, perché la visione riguarda il tempo della fine.
20
Il montone con due corna, che tu hai visto, significa il re di Media e di Persia;
21
il capro è il re della Grecia;
il gran corno, che era in mezzo ai suoi occhi, è il primo re.
22
Che quello sia stato spezzato e quattro ne siano sorti al posto di uno, significa che quattro regni sorgeranno dalla medesima nazione, ma non con la medesima potenza di lui.
23
Alla fine del loro regno, quando l'empietà avrà raggiunto il colmo, sorgerà un re audace, sfacciato e intrigante.
24
La sua potenza si rafforzerà, ma non per potenza propria;
causerà inaudite rovine, avrà successo nelle imprese, distruggerà i potenti e il popolo dei santi.
25
Per la sua astuzia, la frode prospererà nelle sue mani, si insuperbirà in cuor suo e con inganno farà perire molti: insorgerà contro il principe dei prìncipi, ma verrà spezzato senza intervento di mano d'uomo.
26
La visione di sere e mattine, che è stata spiegata, è vera.
Ora tu tieni segreta la visione, perché riguarda cose che avverranno fra molti giorni».
27
Io, Daniele, rimasi sfinito e mi sentii male per vari giorni: poi mi alzai e sbrigai gli affari del re: ma ero stupefatto della visione perché non la potevo comprendere.