VI. LA PASSIONE
Complotto contro Gesù e tradimento di Giuda


1
Si avvicinava la festa degli Azzimi, chiamata Pasqua,
2
e i sommi sacerdoti e gli scribi cercavano come toglierlo di mezzo, poiché temevano il popolo.
3
Allora satana entrò in Giuda, detto Iscariota, che era nel numero dei Dodici.
4
Ed egli andò a discutere con i sommi sacerdoti e i capi delle guardie sul modo di consegnarlo nelle loro mani.
5
Essi si rallegrarono e si accordarono di dargli del denaro.
6
Egli fu d'accordo e cercava l'occasione propizia per consegnarlo loro di nascosto dalla folla.


Preparativi della cena pasquale

7
Venne il giorno degli Azzimi, nel quale si doveva immolare la vittima di Pasqua.
8
Gesù mandò Pietro e Giovanni dicendo: «Andate a preparare per noi la Pasqua, perché possiamo mangiare».
9
Gli chiesero: «Dove vuoi che la prepariamo?».
10
Ed egli rispose: «Appena entrati in città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d'acqua.
Seguitelo nella casa dove entrerà
11
e direte al padrone di casa: Il Maestro ti dice: Dov'è la stanza in cui posso mangiare la Pasqua con i miei discepoli?
12
Egli vi mostrerà una sala al piano superiore, grande e addobbata;
preparate».
13
Essi andarono e trovarono tutto come aveva loro detto e prepararono la Pasqua.


La cena pasquale

14
Quando fu l'ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui,
15
e disse: «Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione,
16
poiché vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio».
17
E preso un calice, rese grazie e disse: «Prendetelo e distribuitelo tra voi,
18
poiché vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non venga il regno di Dio».


Istituzione dell'Eucaristia

19
Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi;
fate questo in memoria di me».
20
Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi».


Annunzio del tradimento di Giuda

21
«Ma ecco, la mano di chi mi tradisce è con me, sulla tavola.
22
Il Figlio dell'uomo se ne va, secondo quanto è stabilito;
ma guai a quell'uomo dal quale è tradito!».
23
Allora essi cominciarono a domandarsi a vicenda chi di essi avrebbe fatto ciò.


Chi è il più grande?

24
Sorse anche una discussione, chi di loro poteva esser considerato il più grande.
25
Egli disse: «I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori.
26
Per voi però non sia così;
ma chi è il più grande tra voi diventi come il più piccolo e chi governa come colui che serve.
27
Infatti chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve.


Ricompensa promessa agli apostoli

28
Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove;
29
e io preparo per voi un regno, come il Padre l'ha preparato per me,
30
perché possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e siederete in trono a giudicare le dodici tribù di Israele.


Annunzio del ritorno e del ringraziamento di Pietro

31
Simone, Simone, ecco satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano;
32
ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede;
e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli».
33
E Pietro gli disse: «Signore, con te sono pronto ad andare in prigione e alla morte».
34
Gli rispose: «Pietro, io ti dico: non canterà oggi il gallo prima che tu per tre volte avrai negato di conoscermi».


L'ora del combattimento decisivo

35
Poi disse: «Quando vi ho mandato senza borsa, né bisaccia, né sandali, vi è forse mancato qualcosa?».
Risposero: «Nulla».
36
Ed egli soggiunse: «Ma ora, chi ha una borsa la prenda, e così una bisaccia;
chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una.
37
Perché vi dico: deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra i malfattori.
Infatti tutto quello che mi riguarda volge al suo termine».
38
Ed essi dissero: «Signore, ecco qui due spade».
Ma egli rispose «Basta!».


Sul monte degli Ulivi

39
Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi;
anche i discepoli lo seguirono.
40
Giunto sul luogo, disse loro: «Pregate, per non entrare in tentazione».
41
Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e, inginocchiatosi, pregava:
42
«Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà».
43
Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo.
44
In preda all'angoscia, pregava più intensamente;
e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra.
45
Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza.
46
E disse loro: «Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione».


L'arresto di Gesù

47
Mentre egli ancora parlava, ecco una turba di gente;
li precedeva colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, e si accostò a Gesù per baciarlo.
48
Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell'uomo?».
49
Allora quelli che eran con lui, vedendo ciò che stava per accadere, dissero: «Signore, dobbiamo colpire con la spada?».
50
E uno di loro colpì il servo del sommo sacerdote e gli staccò l'orecchio destro.
51
Ma Gesù intervenne dicendo: «Lasciate, basta così!».
E toccandogli l'orecchio, lo guarì.
52
Poi Gesù disse a coloro che gli eran venuti contro, sommi sacerdoti, capi delle guardie del tempio e anziani: «Siete usciti con spade e bastoni come contro un brigante?
53
Ogni giorno ero con voi nel tempio e non avete steso le mani contro di me;
ma questa è la vostra ora, è l'impero delle tenebre».


Rinnegamenti di Pietro

54
Dopo averlo preso, lo condussero via e lo fecero entrare nella casa del sommo sacerdote.
Pietro lo seguiva da lontano.
55
Siccome avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno, anche Pietro si sedette in mezzo a loro.
56
Vedutolo seduto presso la fiamma, una serva fissandolo disse: «Anche questi era con lui».
57
Ma egli negò dicendo: «Donna, non lo conosco!».
58
Poco dopo un altro lo vide e disse: «Anche tu sei di loro!».
Ma Pietro rispose: «No, non lo sono!».
59
Passata circa un'ora, un altro insisteva: «In verità, anche questo era con lui;
è anche lui un Galileo».
60
Ma Pietro disse: «O uomo, non so quello che dici».
E in quell'istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò.
61
Allora il Signore, voltatosi, guardò Pietro, e Pietro si ricordò delle parole che il Signore gli aveva detto: «Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte».
62
E, uscito, pianse amaramente.


Primi oltraggi

63
Frattanto gli uomini che avevano in custodia Gesù lo schernivano e lo percuotevano,
64
lo bendavano e gli dicevano: «Indovina: chi ti ha colpito?».
65
E molti altri insulti dicevano contro di lui.


Gesù davanti al sinedrio

66
Appena fu giorno, si riunì il consiglio degli anziani del popolo, con i sommi sacerdoti e gli scribi;
lo condussero davanti al sinedrio e gli dissero:
67
«Se tu sei il Cristo, diccelo».
Gesù rispose: «Anche se ve lo dico, non mi crederete;
68
se vi interrogo, non mi risponderete.
69
Ma da questo momento starà il Figlio dell'uomo seduto alla destra della potenza di Dio».
70
Allora tutti esclamarono: «Tu dunque sei il Figlio di Dio?».
Ed egli disse loro: «Lo dite voi stessi: io lo sono».
71
Risposero: «Che bisogno abbiamo ancora di testimonianza? L'abbiamo udito noi stessi dalla sua bocca».