Le ricchezze sono un nulla

1
Al maestro del coro.
Dei figli di Core.
Salmo.
2
Ascoltate, popoli tutti,
porgete orecchio abitanti del mondo,
3
voi nobili e gente del popolo,
ricchi e poveri insieme.
4
La mia bocca esprime sapienza,
il mio cuore medita saggezza;
5
porgerò l'orecchio a un proverbio,
spiegherò il mio enigma sulla cetra.
6
Perché temere nei giorni tristi,
quando mi circonda la malizia dei perversi?
7
Essi confidano nella loro forza,
si vantano della loro grande ricchezza.
8
Nessuno può riscattare se stesso,
o dare a Dio il suo prezzo.
9
Per quanto si paghi il riscatto di una vita,
non potrà mai bastare
10
per vivere senza fine,
e non vedere la tomba.
11
Vedrà morire i sapienti;
lo stolto e l'insensato periranno insieme
e lasceranno ad altri le loro ricchezze.
12
Il sepolcro sarà loro casa per sempre,
loro dimora per tutte le generazioni,
eppure hanno dato il loro nome alla terra.
13
Ma l'uomo nella prosperità non comprende,
è come gli animali che periscono.
14
Questa è la sorte di chi confida in se stesso,
l'avvenire di chi si compiace nelle sue parole.
15
Come pecore sono avviati agli inferi,
sarà loro pastore la morte;
scenderanno a precipizio nel sepolcro,
svanirà ogni loro parvenza:
gli inferi saranno la loro dimora.
16
Ma Dio potrà riscattarmi,
mi strapperà dalla mano della morte.
17
Se vedi un uomo arricchirsi, non temere,
se aumenta la gloria della sua casa.
18
Quando muore con sé non porta nulla,
scende con lui la sua gloria.
19
Nella sua vita si diceva fortunato:
«Ti loderanno, perché ti sei procurato del bene».
20
Andrà con la generazione dei suoi padri
che non vedranno mai più la luce.
21
L'uomo nella prosperità non comprende,
è come gli animali che periscono.