Seconda visione: corna e operai

1
Poi alzai gli occhi ed ecco, vidi quattro corna.
2
Domandai all'angelo che parlava con me: «Che cosa sono queste?».
Ed egli: «Sono le corna che hanno disperso Giuda, Israele e Gerusalemme».
3
Poi il Signore mi fece vedere quattro operai.
4
Domandai: «Che cosa vengono a fare costoro?».
Mi rispose: «Le corna hanno disperso Giuda a tal segno che nessuno osa più alzare la testa e costoro vengono a demolire e abbattere le corna delle nazioni che cozzano contro il paese di Giuda per disperderlo».


Terza visione: il misuratore

5
Alzai gli occhi ed ecco un uomo con una corda in mano per misurare.
6
Gli domandai: «Dove vai?».
Ed egli: «Vado a misurare Gerusalemme per vedere qual è la sua larghezza e qual è la sua lunghezza».
7
Allora l'angelo che parlava con me uscì e incontrò un altro angelo
8
che gli disse: «Corri, và a parlare a quel giovane e digli: Gerusalemme sarà priva di mura, per la moltitudine di uomini e di animali che dovrà accogliere.
9
Io stesso - parola del Signore - le farò da muro di fuoco all'intorno e sarò una gloria in mezzo ad essa.


Due appelli agli esiliati

10
Su, su, fuggite dal paese del settentrione - parola del Signore - voi che ho dispersi ai quattro venti del cielo - parola del Signore.
11
A Sion mettiti in salvo, tu che abiti ancora con la figlia di Babilonia!
12
Dice il Signore degli eserciti alle nazioni che vi hanno spogliato:
13
Ecco, io stendo la mano sopra di esse e diverranno preda dei loro schiavi e voi saprete che il Signore degli eserciti mi ha inviato.
14
Gioisci, esulta, figlia di Sion,
perché, ecco, io vengo ad abitare in mezzo a te
- oracolo del Signore -.
15
Nazioni numerose aderiranno in quel giorno al Signore
e diverranno suo popolo ed egli dimorerà in mezzo a te
e tu saprai che il Signore degli eserciti
mi ha inviato a te.
16
Il Signore si terrà Giuda
come eredità nella terra santa,
Gerusalemme sarà di nuovo prescelta.
17
Taccia ogni mortale davanti al Signore,
poiché egli si è destato dalla sua santa dimora».