1
Poi Abijah si addormentò con i suoi padri e fu sepolto nella città di Davide.
Al suo posto regnò suo figlio Asa.
Ai suoi tempi il paese rimase tranquillo per dieci anni.
2
Asa fece ciò che è buono e retto agli occhi dell'Eterno, il suo DIO.
3
Egli rimosse gli altari degli dèi stranieri e gli alti luoghi, distrusse le colonne sacre e fece a pezzi gli Ascerim.
4
Inoltre ordinò a Giuda di cercare l'Eterno, il DIO dei loro padri, e di mettere in pratica la legge e i comandamenti.
5
Rimosse pure da tutte le città di Giuda gli alti luoghi e gli idoli;
e sotto di lui il regno ebbe tranquillità.
6
Egli costruí città fortificate in Giuda perché il paese era tranquillo.
In quegli anni non ci fu alcuna guerra contro di lui, poiché l'Eterno gli aveva dato tranquillità.
7
Egli diceva a quelli di Giuda: «Costruiamo queste città e circondiamole di mura, di torri, di porte e di sbarre.
Il paese è ancora a nostra disposizione perché abbiamo cercato l'Eterno, il nostro DIO;
noi l'abbiamo cercato, ed egli ci ha dato riposo tutt'intorno».
Cosí essi si misero a costruire e prosperarono.
8
Asa aveva un esercito di trecentomila uomini di Giuda che portavano scudo e lancia, e di duecentottantamila di Beniamino che portavano scudo e tiravano l'arco;
tutti questi erano uomini forti e valorosi.
9
Contro di loro uscí Zerah, l'Etiope, con un esercito di un milione di uomini e con trecento carri e giunse fino a Mareshah.
10
Asa uscí contro di lui, e si disposero in ordine di battaglia nella valle di Tsefathah presso Mareshah.
11
Allora Asa gridò all'Eterno il suo DIO e disse: «O Eterno, non c'è nessuno all'infuori di te che possa venire in aiuto nel combattimento tra uno potente e uno che è privo di forza.
Soccorrici, o Eterno, nostro DIO, perché noi ci appoggiamo su di te e andiamo contro questa moltitudine nel tuo nome.
O Eterno, tu sei il nostro DIO;
non permettere che l'uomo prevalga su di te!».
12
Cosí l'Eterno colpí gli Etiopi davanti ad Asa e davanti a Giuda, e gli Etiopi si diedero alla fuga.
13
Allora Asa e la gente che era con lui li inseguirono fino a Gherar.
Perciò gli Etiopi furono sconfitti, e di loro non ne rimase neppure uno vivo perché essi furono distrutti davanti all'Eterno e davanti al suo esercito.
Ed essi portarono via un enorme bottino.
14
Poi attaccarono tutte le città intorno a Gherar, perché il terrore dell'Eterno era caduto su di esse, e saccheggiarono tutte le città, nelle quali c'era molto bottino.
15
Assalirono pure i recinti del bestiame e portarono via gran numero di pecore e di cammelli.
Poi tornarono a Gerusalemme.