1
Quindi Giosafat si addormentò con i suoi padri e fu sepolto con loro nella città di Davide.
Al suo posto regnò suo figlio Jehoram.
2
Egli aveva fratelli, figli di Giosafat: Azariah, Jehiel, Zaccaria, Azariahu, Mikael e Scefatiah;
tutti questi erano figli di Giosafat, re d'Israele.
3
Il loro padre fece ad essi grandi doni di argento, oro e oggetti preziosi, insieme a città fortificate in Giuda, ma diede il regno a Jehoram, perché era il primogenito.
4
Ma quando Jehoram ebbe preso possesso del regno di suo padre e si fu rafforzato, uccise di spada tutti i suoi fratelli e anche alcuni capi d'Israele.
5
Jehoram aveva trentadue anni quando iniziò a regnare, e regnò otto anni in Gerusalemme.
6
Egli seguí la via dei re d'Israele come aveva fatto la casa di Achab, perché sua moglie era una figlia di Achab, e fece ciò che è male agli occhi dell'Eterno.
7
Tuttavia l'Eterno non volle distruggere la casa di Davide, a motivo del patto che aveva stabilito con Davide e perché aveva promesso di dare a lui e ai suoi figli una lampada per sempre.
8
Durante i giorni del suo regno, Edom si ribellò al potere di Giuda e si diede un re.
9
Allora Jehoram partí con i suoi capi e con tutti i suoi carri, si levò quindi di notte e sconfisse gli Edomiti che avevano accerchiato lui e i capi dei carri.
10
Cosí Edom è stato ribelle al potere di Giuda fino al giorno d'oggi.
In quel tempo anche Libnah si ribellò al suo potere, perché Jehoram aveva abbandonato l'Eterno, il DIO dei suoi padri.
11
Anche Jehoram fece degli alti luoghi sui monti di Giuda, spinse gli abitanti di Gerusalemme alla prostituzione e sviò Giuda.
12
Allora gli giunse uno scritto da parte del profeta Elia, che diceva: «Cosí dice l'Eterno, il DIO di Davide tuo padre: "Poiché non hai seguito le vie di Giosafat, tuo padre, e le vie di Asa, re di Giuda.
13
ma hai seguito le vie dei re d'Israele e hai spinto alla prostituzione Giuda e gli abitanti di Gerusalemme, come ha fatto la casa di Achab, e hai ucciso i tuoi fratelli, la famiglia stessa di tuo padre, che erano migliori di te,
14
ecco, l'Eterno colpirà con una grande calamità il tuo popolo, i tuoi figli, le tue mogli e tutto ciò che ti appartiene;
15
tu stesso sarai colpito da gravi malattie, una malattia intestinale tale, che per questa malattia le tue viscere usciranno un po' per giorno"».
16
Inoltre l'Eterno risvegliò contro Jehoram lo spirito dei Filistei e degli Arabi, che abitano a fianco degli Etiopi;
17
ed essi salirono contro Giuda, l'invasero e portarono via tutte le ricchezze che si trovavano nel palazzo reale compresi i suoi figli e le sue mogli;
cosí non gli rimase piú alcun figlio se non Jehoahaz, il piú piccolo dei suoi figli.
18
Dopo tutto questo l'Eterno lo colpí agli intestini con una malattia incurabile.
19
Cosí, con l'andar del tempo, al termine del secondo anno, per la malattia le viscere gli uscirono fuori e morí in mezzo ad atroci sofferenze.
Il suo popolo non bruciò profumi in suo onore, come aveva fatto per i suoi padri.
20
Egli aveva trentadue anni quando iniziò a regnare, e regnò otto anni in Gerusalemme.
Se ne andò senza lasciare rimpianti;
lo seppellirono nella città di Davide, ma non nei sepolcri dei re.