1
Or Eliseo disse alla donna di cui aveva risuscitato il figlio: «Lèvati e vattene, tu con la tua famiglia, a risiedere fuori dove ti sarà possibile, perché l'Eterno ha decretato la carestia, la quale verrà sul paese per sette anni».
2
Cosí la donna si levò e fece secondo la parola dell'uomo di DIO;
se ne andò con la sua famiglia e risiedè nel paese dei Filistei per sette anni.
3
Trascorsi i sette anni, la donna tornò dal paese dei Filistei e andò dal re a reclamare la sua casa e le sue terre.
4
Or il re stava parlando con Ghehazi, servo dell'uomo di DIO, e gli diceva: «Raccontami, ti prego, tutte le grandi cose fatte da Eliseo».
5
Ora, proprio mentre egli raccontava al re come Eliseo aveva risuscitato il morto, ecco presentarsi la donna a cui egli aveva risuscitato il figlio per reclamare dal re la sua casa e le sue terre.
Ghehazi allora disse: «O re, mio signore, questa è la donna e questo è suo figlio che Eliseo ha risuscitato».
6
Il re interrogò la donna ed essa gli raccontò il fatto;
allora il re l'affidò a un funzionario, al quale disse: «Restituiscile tutto ciò che le appartiene e tutte le rendite delle terre, dal giorno in cui ella lasciò il paese fino ad ora».
7
Poi Eliseo si recò a Damasco.
Ben-Hadad, re di Siria, era ammalato e gli fu riferito: «L'uomo di DIO è venuto fin qui».
8
Allora il re disse ad Hazael: «Prendi con te un dono e va' incontro all'uomo di DIO, e consulta per mezzo di lui l'Eterno, dicendo: "Guarirò da questa malattia?"».
9
Cosí Hazael andò incontro a Eliseo portando con sé in dono le migliori cose di Damasco: un carico di quaranta cammelli.
Egli quindi andò, si presentò a lui e gli disse: «Il tuo figlio Ben-Hadad, re di Siria, mi ha mandato da te per domandarti, dicendo: "Guarirò da questa malattia?"».
10
Eliseo gli rispose: «Vagli a dire: "Guarirai sicuramente".
Ma l'Eterno mi ha fatto vedere che certamente egli morirà».
11
Poi egli irrigidí il suo volto con uno sguardo fisso fino ad arrossire;
quindi l'uomo di DIO pianse.
12
Allora Hazael domandò: «Perché piange il mio signore?».
Egli rispose: «Perché so il male che tu farai ai figli d'Israele: tu darai alle fiamme le loro fortezze, ucciderai i loro giovani con la spada, sfracellerai i loro bambini e sventrerai le loro donne incinte»
13
Hazael disse: «Ma cos'è mai il tuo servo, un cane, per fare cosí grandi cose?».
Eliseo rispose: «L'Eterno mi ha fatto vedere che tu diventerai re di Siria».
14
Poi Hazael si allontanò da Eliseo e tornò dal suo signore, che gli chiese: «Che cosa ti ha detto Eliseo?».
Egli rispose: «Mi ha detto che guarirai certamente».
15
Il giorno dopo Hazael prese una coperta, la immerse nell'acqua e la stese sulla faccia del re che morí.
Cosí Hazael regnò al suo posto.
Jehoram, re di Giuda
16
Nel quinto anno di Joram figlio di Achab, re d'Israele, Jehoram figlio di Giosafat, re di Giuda, iniziò a regnare su Giuda.
17
Egli aveva trentadue anni, quando iniziò a regnare, e regnò otto anni in Gerusalemme.
18
Seguí la via dei re d'Israele, come aveva fatto la casa di Achab, perché sua moglie era una figlia di Achab, e fece ciò che è male agli occhi dell'Eterno.
19
Tuttavia l'Eterno non volle distruggere Giuda, per amore di Davide suo servo, perché aveva promesso di dare a lui e ai suoi figli una lampada per sempre.
20
Durante i giorni del suo regno, Edom si ribellò al potere di Giuda e si diede un re.
21
Allora Joram si recò a Tsair con tutti i suoi carri, poi di notte si levò e sconfisse gli Edomiti che lo avevano accerchiato e i capitani dei carri, mentre la sua gente potè fuggire alle proprie tende.
22
Cosí Edom è stato ribelle al potere di Giuda fino al giorno d'oggi.
In quel tempo anche Libnah si ribellò.
23
Il resto delle gesta di Joram e tutto ciò che fece non è scritto nel libro delle Cronache dei re di Giuda?
24
Cosí Joram si addormentò con i suoi padri e fu sepolto con i suoi padri nella città di Davide.
Al suo posto regnò suo figlio Achaziah.
25
Nell'anno dodicesimo di Joram, figlio di Achab, re d'Israele, iniziò a regnare Achaziah, figlio di Jehoram, re di Giuda.
26
Achaziah aveva ventidue anni quando iniziò a regnare, e regnò un anno a Gerusalemme.
Sua madre si chiamava Athaliah, nipote di Omri, re d'Israele.
27
Egli seguí la via della casa di Achab e fece ciò che è male agli occhi dell'Eterno, come la casa di Achab, perché era imparentato con la casa di Achab.
28
Con Joram, figlio di Achab, egli andò a combattere contro Hazael, re di Siria, a Ramoth di Galaad;
ma i Siri ferirono Joram;
29
allora il re Joram tornò a Jezreel per farsi curare delle ferite che aveva ricevute dai Siri a Ramah, mentre combatteva contro Hazael, re di Siria.
E Achaziah, figlio di Jehoram re di Giuda, scese a Jezreel a vedere Joram, figlio di Achab, perché questi era malato.