1
La guerra fra la casa di Saul e la casa di Davide fu lunga.
Davide si faceva sempre piú forte, mentre la casa di Saul si indeboliva sempre di piú.
2
In Hebron a Davide nacquero dei figli.
Il suo primogenito fu Amnon, di Ahinoam la Jezreelita;
3
il secondo fu Kileab, di Abigail la Karmelita, già moglie di Nabal;
il terzo fu Absalom, figlio di Maakah, figlia di Talmai, re di Gheshur;
4
il quarto fu Adonijah, figlio di Hagghith;
il quinto fu Scefatiah, figlio di Abital,
5
e il sesto fu Ithream, figlio di Eglah, moglie di Davide.
Questi nacquero a Davide in Hebron.
6
Durante la guerra fra la casa di Davide e la casa di Saul, Abner si tenne saldamente stretto alla casa di Saul.
7
Or Saul aveva avuto una concubina di nome Ritspah, figlia di Aiah;
e Ish-Bosceth disse ad Abner: «Perché sei entrato dalla concubina di mio padre
8
Abner si adirò fortemente per le parole di Ish-Bosceth e rispose: «Sono forse una testa di cane di Giuda? Fino ad oggi ho usato fedeltà verso la casa di Saul tuo padre, verso i suoi fratelli e i suoi amici e non ti ho dato nelle mani di Davide, e proprio oggi tu mi rimproveri la colpa commessa con questa donna!
9
DIO faccia cosí a Abner e anche peggio, se io non faccio per Davide ciò che l'Eterno gli ha giurato:
10
trasferire il regno dalla casa di Saul e stabilire il trono di Davide su Israele e su Giuda, da Dan fino a Beer-Sceba».
11
Ish-Bosceth non potè rispondere una sola parola ad Abner, perché aveva paura di lui.
12
Allora Abner mandò a nome suo messaggeri a Davide per dirgli: «A chi appartiene il paese? Fa' alleanza con me e la mia mano sarà con te per riportare tutto Israele a te».
13
Davide rispose: «Ho una cosa da chiederti: Io farò alleanza con te, ma tu non vedrai la mia faccia se prima non mi condurrai Mikal figlia di Saul, quando verrai a vedermi».
14
Cosí Davide mandò messaggeri a Ish-Bosceth, figlio di Saul.
per dire: «Restituisci mia moglie Mikal, a cui mi fidanzai per cento prepuzi di Filistei».
15
Ish-Bosceth mandò a prenderla presso suo marito Paltiel, figlio di Laish.
16
Suo marito andò con lei e la seguí piangendo fino a Bahurim.
Poi Abner gli disse: «Va
17
Poi Abner rivolse la parola agli anziani d'Israele, dicendo: «Già da lungo tempo chiedete Davide per vostro re.
18
Ora è tempo di agire, perché l'Eterno ha parlato di Davide, dicendo: "Per mezzo di Davide, mio servo, io salverò il mio popolo Israele dalle mani dei Filistei e da tutti i suoi nemici"».
19
Abner parlò anche con quelli di Beniamino.
Poi Abner andò da Davide a Hebron per riferirgli tutto ciò che parve bene a Israele e a tutta la casa di Beniamino.
20
Cosí Abner giunse da Davide a Hebron con venti uomini, e Davide fece un convito per Abner e per gli uomini che erano con lui.
21
Poi Abner disse a Davide: «Io mi leverò e andrò a radunare tutto Israele intorno al re mio signore, affinché essi facciano alleanza con te e tu possa regnare su tutto ciò che il tuo cuore desidera».
Poi Davide congedò Abner, che se ne andò In pace.
22
Ed ecco, i servi di Davide e Joab tornavano da una razzia, portando con sé un grande bottino;
ma Abner non era più con Davide in Hebron, perché questi lo aveva congedato ed egli se ne era andato in pace.
23
Quando arrivarono Joab e tutti i soldati che erano con lui, qualcuno riferí la cosa a Joab, dicendo: «E' venuto Abner figlio di Ner, dal re, che lo ha congedato ed egli se ne è andato in pace».
24
Allora Joab si recò dal re e gli disse «Che cosa hai fatto? Ecco, è venuto Abner da te;
perché l'hai congedato, ed egli se ne è già andato?
25
Tu sai che Abner, figlio di Ner, è venuto per ingannarti, per conoscere le tue mosse e per sapere tutto ciò che fai».
26
Dopo aver lasciato la presenza di Davide, Joab mandò messaggeri dietro Abner, i quali lo fecero tornare indietro dalla cisterna di Sirah senza che Davide lo sapesse.
27
Quando Abner tornò a Hebron Joab lo prese in disparte in mezzo alla porta, come per parlargli in segreto e qui lo colpí al ventre e lo uccise per vendicare il sangue di Asahel, suo fratello.
28
Piú tardi Davide venne a sapere della cosa e disse: «Io e il mio regno siamo in perpetuo innocenti davanti all'Eterno del sangue di Abner, figlio di Ner.
29
Esso ricada sul capo di Joab e su tutta la casa di suo padre;
non manchi mai nella casa di Joab chi soffra di flusso o di lebbra o debba appoggiarsi al bastone o perisca di spada o sia senza pane!».
30
Cosí Joab ed Abishai, suo fratello, uccisero Abner, perché questi aveva ucciso Asahel loro fratello a Gabaon, in battaglia.
31
Poi Davide disse a Joab e a tutto il popolo che era con lui: «Stracciatevi le vesti, cingetevi di sacco e fate cordoglio per la morte di Abner!».
Anche il re Davide andò dietro alla bara.
32
Cosí seppellirono Abner a Hebron, e il re alzò la voce e pianse davanti alla tomba di Abner;
anche tutto il popolo pianse.
33
Il re intonò un lamento su Abner e disse: «Doveva Abner morire come muore uno stolto?
34
Le tue mani non erano legate, né i tuoi piedi erano stretti in catene di bronzo! Sei caduto davanti a malfattori».
Cosí tutto il popolo pianse di nuovo su di lui.
35
Poi tutto il popolo venne per invitare Davide a prendere cibo, mentre era ancora giorno;
ma Davide giurò dicendo: «Cosí mi faccia DIO e anche peggio se assaggerò pane o alcun'altra cosa prima che tramonti il sole».
36
Tutto il popolo capí e approvò la cosa;
tutto ciò che il re faceva era approvato da tutto il popolo.
37
Cosí tutto il popolo e tutto Israele compresero che non era affatto intenzione del re uccidere in quel giorno Abner, figlio di Ner.
38
Il re disse quindi ai suoi servi: «Non sapete che un principe e un grande uomo è caduto oggi in Israele?
39
Anche se unto re, io sono ancora debole, mentre questi uomini, i figli di Tseruiah, sono troppo forti per me.
Ripaghi l'Eterno il malvagio secondo la sua malvagità».