1
C'è un altro male che ho visto sotto il sole e che è diffuso fra gli uomini:
2
uno a cui DIO ha dato ricchezze, beni e gloria, e non gli manca nulla di tutto ciò che può desiderare, ma DIO non gli concede di poterne godere;
ma ne gode un estraneo.
Questo è vanità e un grande male.
3
Se uno generasse cento figli e vivesse molti anni e molti fossero i giorni dei suoi anni ma la sua anima non si sazia di beni e non ha neppure sepoltura, io dico che un aborto è piú felice di lui;
4
poiché è venuto invano e se ne va nelle tenebre, e il suo nome è coperto di tenebre.
5
Anche se non ha vistoconosciuto il sole, tuttavia ha piú riposo dell'altro.
6
Sí, anche se dovesse vivere due volte mille anni, senza però godere dei suoi beni.
Non vanno tutti a finire nello stesso luogo?
7
Tutta la fatica dell'uomo è per la sua bocca, tuttavia il suo appetito non si sazia mai.
8
Quale vantaggio ha il saggio sopra lo stolto? Quale vantaggio ha il povero se sa come camminare davanti ai viventi?
9
E' meglio vedere con gli occhi che vagare con il desiderio.
Anche questo è vanità e un cercare di afferrare il vento.
10
Ciò che è, è già stato chiamato da tempo per nome e si sa che cos'è l'uomo e che non può contendere con chi è piú forte di lui.
11
Poiché ci sono molte cose che aumentano la vanità, quale vantaggio ne ha l'uomo?
12
Chi conosce infatti ciò che è buono per l'uomo in questa vita, durante tutti i giorni della sua vita vana che egli trascorre come un'ombra? Chi sa dire all'uomo cosa avverrà dopo di lui sotto il sole?