1
Chi è come il saggio? Chi conosce l'interpretazione delle cose? La sapienza dell'uomo fa risplendere la sua faccia e ne cambia la durezza del volto.
2
Io ti consiglio: osserva il comando del re, a motivo del giuramento fatto a DIO.
3
Non avere fretta ad allontanarti dalla sua presenza e non persistere in una cosa cattiva, perché egli fa tutto ciò che gli piace.
4
Infatti la parola del re è potente;
e chi gli può dire: «Che cosa fai?».
5
Chi osserva il suo comando non proverà alcun male;
il cuore dell'uomo saggio sa infatti discernere il tempo e il giudizio,
6
perché per ogni cosa c'è un tempo e un giudizio, e la malvagità dell'uomo pesa grandemente su di lui.
7
Poiché egli non sa ciò che avverrà;
chi infatti gli dirà come andranno le cose?
8
Non c'è uomo che abbia potere sullo spirito per poterlo trattenere, o che abbia potere sul giorno della morte.
Non c'è congedo in battaglia, e l'iniquità non può salvare chi la commette.
9
Ho visto tutto questo e ho posto mente a tutto ciò che si fa sotto il sole;
c'è un tempo in cui un uomo signoreggia su un altro per suo danno.
10
Poi ho visto degli empi venire sepolti, i quali erano entrati e usciti dal luogo santo;
essi pure erano stati dimenticati nella città dove avevano fatto tali cose.
Anche questo è vanità.
11
Poiché la sentenza contro una cattiva azione non è prontamente eseguita, il cuore dei figli degli uomini è pieno di voglia di fare il male.
12
Anche se il peccatore fa cento volte il male e prolunga i suoi giorni, tuttavia io so che otterranno bene quelli che temono DIO, che provano timore davanti a lui.
13
Ma non c'è bene per l'empio, e non prolungherà i suoi giorni come l'ombra perché non prova timore davanti a DIO.
14
C'è una vanità che avviene sulla terra: ci sono dei giusti che sono trattati come spetterebbe all'opera degli empi, e ci sono degli empi che sono trattati come spetterebbe all'opera dei giusti.
Ho detto che anche questo è vanità.
15
Cosí ho lodato l'allegria, perché non c'è nulla di meglio per l'uomo sotto il sole che mangiare, bere e stare allegro, perché questo rimane con lui nella sua fatica durante i giorni di vita che DIO gli dà sotto il sole.
16
Quando io ho applicato il mio cuore a conoscere la sapienza e a considerare l'affannarsi che si fa sulla terra (anche se uno non concede riposo ai propri occhigiornonotte),
17
allora ho visto tutta l'opera di DIO, che l'uomo non può arrivare a scoprire tutto ciò che si fa sotto il sole perché, anche se l'uomo si affatica a cercare, non riesce a scoprirlo;
e anche se il saggio dice di sapere, non è in grado di scoprirlo.