1
Or Mosè pascolava il gregge di Jethro suo suocero, sacerdote di Madian;
egli portò il gregge oltre il deserto e giunse alla montagna di DIO, all'Horeb.
2
E l'Angelo dell'Eterno gli apparve in una Fiamma di fuoco, di mezzo a un roveto.
Mosè guardò ed ecco il roveto bruciava col fuoco, ma il roveto non si consumava.
3
Allora Mosè disse: «Ora mi sposterò per vedere questo grandioso spettacolo: perché mai il roveto non si consuma!».
4
Or l'Eterno vide che egli si era spostato per vedere, e DIO lo chiamò di mezzo al roveto e disse: «Mosè, Mosè!».
Egli rispose: «Eccomi».
5
Dio disse: «Non avvicinarti qui;
togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale stai è suolo santo.
6
Poi aggiunse: «Io sono il DIO di tuo padre, il DIO di Abrahamo, il DIO di Isacco e il DIO di Giacobbe».
E Mosè si nascose la faccia, perché aveva paura di guardare DIO.
7
Poi l'Eterno disse: «Ho certamente visto l'afflizione del mio popolo che è in Egitto e ho udito il suo grido a motivo dei suoi oppressori, poiché conosco le sue sofferenze.
8
Così sono sceso per liberarlo dalla mano degli Egiziani e per farlo salire da quel paese in un paese buono e spazioso, in un paese dove scorre latte e miele, nel luogo dove sono i Cananei, gli Hittei gli Amorei, i Perezei, gli Hivvei e i Gebusei.
9
Ed ora, ecco il grido dei figli d'Israele è giunto fino a me, ed ho pure visto l'oppressione con cui gli Egiziani li opprimono.
10
Or dunque vieni e io ti manderò dal Faraone perché tu faccia uscire il mio popolo, i figli d'Israele, dall'Egitto».
11
Ma Mosè disse a DIO: «Chi sono io per andare dal Faraone e per far uscire i figli d'Israele dall'Egitto?».
12
DIO disse: «Io sarò con te, e questo sarà per te il segno che io ti ho mandato: Quando avrai fatto uscire il popolo dall'Egitto, voi servirete DIO su questo monte».
13
Allora Mosè disse a DIO: «Ecco, quando andrò dai figli d'Israele e dirò loro: "Il DIO dei vostri padri mi ha mandato da voi", se essi mi dicono "Qual' è il suo nome?", che risponderò loro?».
14
DIO disse a Mosè: «IO SONO COLUI CHE SONO».
Poi disse: «Dirai così ai figli d'Israele: "L'IO SONO mi ha mandato da voi"».
15
DIO disse ancora a Mosè: «Dirai così ai figli d'Israele: "L'Eterno.
il DIO dei vostri padri, il DIO di Abrahamo, il DIO d'Isacco e il DIO di Giacobbe mi ha mandato da voi.
Questo è il mio nome in perpetuo.
Questo sarà sempre il mio nome col quale sarò ricordato per tutte le generazioni".
16
Va' e raduna gli anziani d'Israele e di' loro: "L'Eterno, il DIO dei vostri padri, il DIO di Abrahamo, di Isacco e di Giacobbe mi è apparso, dicendo: «Io vi ho certamente visitato e ho visto quello che vi fanno in Egitto;
17
e ho detto: Io vi farò salire dall'oppressione d'Egitto al paese dei Cananei, degli Hittei, degli Amorei, dei Perezei degli Hivvei e dei Gebusei, in un paese dove scorre latte e miele".
18
Ed essi ubbidiranno alla tua voce;
e tu e gli anziani d'Israele andrete dal re d'Egitto e gli direte: "L'Eterno, il DIO degli Ebrei ci è venuto incontro;
ed ora lanciai andare per il cammino di tre giorni nel deserto, perché possiamo sacrificare all'Eterno, il nostro DIO".
19
Ma io so che il re d'Egitto non vi lascerà andare, se non costretto da una potente mano.
20
Allora io stenderò la mia mano e percuoterò l'Egitto con tutti i prodigi che io farò in mezzo ad esso;
dopo di che vi lascerà andare.
21
E concederò a questo popolo favore agli occhi degli Egiziani;
e avverrà che, quando ve ne andrete, non ve ne andrete a mani vuote;
22
ma ogni donna chiederà alla sua vicina e alla donna che abita in casa sua oggetti d'argento, oggetti d'oro e vestiti;
e voi li metterete addosso ai vostri figli e alle vostre figlie;
così spoglierete gli Egiziani».