1
La parola dell'Eterno mi fu rivolta, dicendo:
2
«Figlio d'uomo, di' al principe di Tiro: Cosí dice il Signore, l'Eterno: Poiché il tuo cuore si è innalzato e hai detto: Io sono un dio, io siedo su un trono di dèi nel cuore dei mari mentre sei un uomo e non un dio, anche se hai fatto il tuo cuore come il cuore di Dio.
3
Ecco tu sei piú savio di Daniele, nessun segreto rimane nascosto a te.
4
Con la tua sapienza e con la tua intelligenza ti sei procurato ricchezze e hai ammassato oro e argento nei tuoi tesori;
5
con la tua grande sapienza con il tuo commercio hai accresciuto le tue ricchezze e a motivo delle tue ricchezze il tuo cuore si è innalzato».
6
Per questo cosí dice il Signore, l'Eterno: «Poiché hai fatto il tuo cuore come il cuore di Dio,
7
perciò ecco, io farò venire contro di te le piú terribili nazioni;
essi sguaineranno le loro spade contro lo splendore della tua sapienza e contamineranno la tua bellezza.
8
Ti faranno scendere nella fossa e tu morirai della morte di quelli che sono trafitti nel cuore dei mari.
9
Continuerai tu a dire: "Io sono un dio" davanti a chi ti ucciderà? Ma sarai un uomo e non un dio nelle mani di chi ti trafiggerà.
10
Tu morirai della morte degli incirconcisi per mano di stranieri, perché io ho parlato», dice il Signore, l'Eterno.
11
La parola dell'Eterno mi fu rivolta dicendo:
12
«Figlio d'uomo, innalza una lamentazione sul re di Tiro e digli: Cosi dice il Signore, l'Eterno: Tu eri il sigillo della perfezione, pieno di sapienza e perfetto in bellezza.
13
Eri nell'Eden il giardino di DIO;
eri coperto d'ogni pietra preziosa: rubini, topazi, diamanti, crisoliti, onici, diaspri, zaffiri, carbonchi, smeraldi e oro;
la lavorazione dei tuoi tamburelli e dei tuoi flauti fu preparata per te nel giorno in cui fosti creato.
14
Tu eri un cherubino, unto, un protettore.
Io ti avevo posto sul monte santo di DIO e camminavi in mezzo a pietre di fuoco.
15
Tu eri perfetto nelle tue vie dal giorno in cui fosti creato, finché non si trovò in te la perversità.
16
Per l'abbondanza del tuo commercio, ti sei riempito di violenza e hai peccato;
perciò ti ho scacciato come un profano dal monte di DIO e ti ho distrutto o cherubino protettore di mezzo alle pietre di fuoco.
17
Il tuo cuore si era innalzato per la tua bellezza;
hai corrotto la tua sapienza a motivo del tuo splendore.
Ti getto a terra, ti metto davanti ai re, perché ti vedano.
18
Con la moltitudine delle tue iniquità, con la malvagità del tuo commercio hai profanato i tuoi santuari.
Perciò ho fatto uscire di mezzo a te un fuoco che ti ha divorato, e ti ho ridotto in cenere sulla terra sotto gli occhi di quanti ti guardavano.
19
Tutti quelli che ti conoscevano tra i popoli restano stupefatti di te;
sei diventato oggetto di terrore e non esisterai mai più».
20
La parola dell'Eterno mi fu rivolta, dicendo:
21
«Figlio d'Uomo, volgi la faccia verso Sidone e profetizza contro di lei,
22
e di' Cosí dice il Signore, l'Eterno: Ecco, io sono contro di te, o Sidone, e sarò glorificato in mezzo a te.
Riconosceranno che io sono l'Eterno quando eseguirò i miei giudizi a in mezzo a lei e sarò santificato in lei.
23
Manderò su di lei la peste e il sangue nelle sue vie in mezzo ad essa cadranno gli uccisi dalla spada, mandata contro di lei da ogni parte.
Allora riconosceranno che io sono l'Eterno.
24
E non ci sarà piú per la casa d'Israele, alcun aculeo pungente o spina dolorosa fra tutti i suoi vicini che la disprezzano.
Allora riconosceranno che io sono il Signore, l'Eterno».
25
Così dice il Signore, l'Eterno: «Quando avrò raccolto quelli della casa d'Israele di mezzo ai popoli fra i quali sono dispersi e mi santificherò in loro agli occhi delle nazioni, essi abiteranno nel loro paese, che diedi al mio servo Giacobbe.
26
Vi abiteranno al sicuro, edificheranno case e pianteranno vigne;
sí, abiteranno al sicuro, quando eseguirò i miei giudizi su tutti quelli intorno a loro che li disprezzano.
Allora riconosceranno che io sono l'Eterno, il loro DIO».