1
Nell'anno dodicesimo, il dodicesimo mese, il primo giorno del mese avvenne che la parola dell'Eterno mi fu rivolta, dicendo:
2
«Figlio d'uomo, innalza una lamentazione sul Faraone, re d'Egitto, e digli: Tu eri simile ad un leoncello fra le nazioni;
eri come un dragone nei mari e ti slanciavi nei tuoi fiumi, agitando le acque con i tuoi piedi e intorbidandone i fiumi».
3
Cosí dice il Signore l'Eterno: «Stenderò su di te la mia rete con un'assemblea di molti popoli che ti tireranno su con la mia rete.
4
Ti abbandonerò quindi sulla terra e ti getterò in aperta campagna, farò posare su di te tutti gli uccelli del cielo a e sazierò di te le bestie di tutta la terra.
5
Getterò la tua carne sui monti e riempirò le valli con il cumulo delle tue carcasse.
6
Darò pure da bere alla terra col flusso del tuo sangue, fino ai monti, e gli alvei saranno pieni di te.
7
Quando ti estinguerò, coprirò i cieli e ne oscurerò le stelle, coprirò il sole con una nuvola e la luna non darà piú la sua luce,
8
Su di te oscurerò tutti i luminari splendenti nel cielo e manderò le tenebre sul tuo paese», dice il Signore, l'Eterno.
9
«Affliggerò il cuore di molti popoli, quando farò giungere la tua distruzione fra le nazioni, in paesi che non conosci.
10
Farò stupire per te molti popoli, e i loro re saranno presi da grande spavento per causa tua, quando brandirò la mia spada davanti a loro;
ognuno di essi tremerà ad ogni istante per la sua vita, nel giorno della tua caduta».
11
Poiché cosí dice il Signore, l'Eterno: «La spada del re di Babilonia ti piomberà addosso.
12
Farò cadere la tua moltitudine con le spade di uomini potenti, tutti quanti i piú terribili fra le nazioni;
essi distruggeranno l'orgoglio dell'Egitto e tutta la sua moltitudine sarà annientata.
13
Farò perire tutto il suo bestiame sulle rive delle grandi acque che non saranno piú intorbidate da piede d'uomo, né unghia di bestia le intorbiderà.
14
Allora lascerò posare le loro acque e farò scorrere i loro fiumi come olio», dice il Signore, l'Eterno.
15
«Quando renderò il paese d'Egitto una desolazione e il paese sarà spogliato di ciò che conteneva, quando colpirò tutti i suoi abitanti, allora riconosceranno che io sono l'Eterno.
16
Questa è una lamentazione che innalzeranno per lui, la innalzeranno per lui le figlie delle nazioni;
la innalzeranno sull'Egitto e su tutta la sua moltitudine», dice il Signore, l'Eterno.
17
Nel dodicesimo anno, il quindicesimo giorno del mese, avvenne che la parola dell'Eterno mi fu rivolta, dicendo:
18
«Figlio d'uomo, intona un lamento sulla moltitudine dell'Egitto e falla scendere nelle profondità della terra, lei e le figlie delle nazioni famose, assieme a quelli che scendono nella fossa,
19
Chi mai sorpassi in bellezza? Scendi e sii posto a giacere con gl'incirconcisi,
20
Essi cadranno in mezzo agli uccisi di spada.
Esso è consegnato alla spada, lo trascinano con tutte le sue moltitudini.
21
I più forti fra i prodi assieme a quelli che l'aiutavano gli parleranno di mezzo allo Sceol: "Sono scesi e giacciono con gli incirconcisi, trafitti dalla spada!
22
Là è l'Assiria con tutta la sua moltitudine con i suoi sepolcri intorno a lei;
sono tutti uccisi, caduti per la spada.
23
I suoi sepolcri sono posti nelle profondità della fossa e la sua moltitudine è intorno al suo sepolcro;
tutti sono uccisi, caduti per la spada, essi che spargevano il terrore sulla terra dei viventi.
24
Là è Elam, con tutta la sua moltitudine intorno al suo sepolcro;
sono tutti uccisi, caduti di spada, scesi incirconcisi nelle profondità della terra, essi che spargevano il terrore sulla terra dei viventi;
ora portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa.
25
Hanno posto il suo letto in mezzo agli uccisi con tutta la sua moltitudine, con i suoi sepolcri intorno a lui;
sono tutti incirconcisi, trafitti dalla spada, perché avevano sparso il terrore sulla terra dei viventi;
ora però portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa;
sono stati posti in mezzo agli uccisi.
26
Là è Mescek, Tubal e tutta la loro moltitudine, con i suoi sepolcri intorno a lui;
sono tutti incirconcisi, trafitti dalla spada, perché spargevano il terrore sulla terra dei viventi.
27
Non giacciono con gli eroi caduti degli incirconcisi, che sono scesi nello Sceol, con le loro armi da guerra, e le cui spade sono state poste sotto le loro teste;
ma la punizione delle loro iniquità starà attaccata alle loro ossa, anche se il terrore di questi prodi era grande sulla terra dei viventi.
28
Sí, tu sarai frantumato in mezzo agl'incirconcisi e giacerai con i trafitti dalla spada.
29
Là è Edom, con i suoi re e tutti i suoi principi che, nonostante il loro valore, sono posti assieme ai trafitti dalla spada.
Anch'essi giacciono con gl'incirconcisi e con quelli che scendono nella fossa.
30
sono tutti i principi del nord e tutti i Sidoni, che sono discesi con i trafitti confusi per il terrore che incutevano con la loro potenza.
Giacciono incirconcisi con i trafitti dalla spada e portano la loro ignominia con quelli che scendono nella fossa.
31
Il Faraone li vedrà e si consolerà per tutta la sua moltitudine;
il Faraone e tutto il suo esercito saranno trafitti dalla spada», dice il Signore l'Eterno.
32
«Anche se ho lasciato spargere il suo terrore nella terra dei viventi, il Faraone con tutta la sua moltitudine sarà posto a giacere in mezzo agl'incirconcisi, con i trafitti dalla spada», dice il Signore, l'Eterno.