1
State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitú.
2
Ecco, io, Paolo, vi dico che se vi fate circoncidere, Cristo non vi gioverà nulla.
3
E daccapo attesto ad ogni uomo che si fa circoncidere che egli è obbligato ad osservare tutta la legge.
4
Voi, che cercate di essere giustificati mediante la legge, vi siete separati da Cristo;
siete scaduti dalla grazia.
5
Noi infatti in Spirito, mediante la fede, aspettiamo la speranza della giustizia,
6
poiché in Cristo Gesú né la circoncisione, né l'incirconcisione hanno alcun valore, ma la fede che opera mediante l'amore.
7
Voi correvate bene;
chi vi ha ostacolato a impedendovi di ubbidire alla verità?
8
Questa persuasione non viene da colui che vi chiama.
9
Un po' di lievito fa fermentare tutta la pasta.
10
Io sono fiducioso per voi nel Signore che non penserete diversamente;
ma colui che vi turba ne subirà la punizione chiunque egli sia.
11
Ora quanto a me, fratelli, se io predico ancora la circoncisione, perché sono perseguitato? Allora lo scandalo della croce sarebbe abolito.
12
Oh, si facessero pur anche mutilare coloro che vi turbano!
13
Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà;
soltanto non usate questa libertà per dare un'occasione alla carne ma servite gli uni gli altri per mezzo dell'amore.
14
Tutta la legge infatti si adempie in questa unica parola: «Ama il tuo prossimo come te stesso».
15
Che se vi mordete e vi divorate a vicenda, guardate che non siate consumati gli uni dagli altri.
16
Or io dico: Camminate secondo lo Spirito e non adempirete i desideri della carne,
17
la carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne;
e queste cose sono opposte l'una all'altra, cosicché voi non fate quel che vorreste.
18
Ma se siete condotti dallo Spirito, voi non siete sotto la legge.
19
Ora le opere della carne sono manifeste e sono: adulterio, fornicazione impurità, dissolutezza,
20
idolatria, magia, inimicizie, contese, gelosie, ire, risse, divisioni, sette,
21
invidie, omicidi, ubriachezze, ghiottonerie e cose simili a queste, circa le quali vi prevengo, come vi ho già detto prima, che coloro che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio,
22
Ma il frutto dello Spirito è: amore gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo.
23
Contro tali cose non vi è legge.
24
Ora quelli che sono di Cristo hanno crocifisso la carne con le sue passioni e le sue concupiscenze.
25
Se viviamo per lo Spirito, camminiamo altresí per lo Spirito,
26
Non siamo vanagloriosi, provocandoci e invidiandoci gli uni gli altri.