1
Or ci fu una carestia nel paese, oltre la precedente carestia che c'era stata ai tempi di Abrahamo.
Poi Isacco andò da Abimelek, re dei Filistei a Gherar.
2
Allora l'Eterno gli apparve e gli disse: «Non scendere in Egitto;
rimani nel paese che io ti dirò.
3
Soggiorna in questo paese e io sarò con te e ti benedirò, perché io darò a te e alla tua discendenza tutti questi paesi, e manterrò il giuramento che feci ad Abrahamo tuo padre,
4
e moltiplicherò la tua discendenza come le stelle "del cielo;
darò alla tua discendenza tutti questi paesi, e tutte le nazioni della terra saranno benedette nella tua discendenza,
5
Perché Abrahamo ubbidì alla mia voce e osservó i miei ordini, i miei comandamenti, i miei statuti e le mie leggi».
6
Così Isacco dimorò in Gherar.
7
Quando la gente del luogo gli faceva domande intorno a sua moglie, egli rispondeva: «E' mia sorella», perché aveva paura di dire: «E' mia moglie», poiché pensava: «Gli uomini del luogo potrebbero uccidermi a motivo di Rebecca, perché ella è di bell'aspetto».
8
Quando aveva già trascorso parecchio tempo in quel luogo, ad Abimelek, re dei Filistei, capitò di guardare dalla finestra e vide Isacco che accarezzava Rebecca sua moglie.
9
Allora Abimelek chiamò Isacco e gli disse: «Certamente costei è tua moglie;
come mai hai tu detto: «E' mia sorella"?».
Isacco rispose: «Perché dicevo: "Non vorrei morire a motivo di lei"».
10
Abimelek disse: «Che cos'è questo che ci hai fatto? Qualcuno del popolo avrebbe potuto facilmente coricarsi con tua moglie, e tu ci avresti tirato addosso una gran colpa».
11
Così Abimelek diede quest'ordine a tutto il popolo: «Chiunque tocca quest'uomo o sua moglie sarà senz'altro messo a morte».
12
Isacco seminò in quel paese e in quell'anno raccolse il centuplo;
e l'Eterno lo benedisse.
13
Quest'uomo divenne grande e continuò a crescere fino a divenire straordinariamente grande.
14
Egli venne a possedere greggi di pecore, mandrie di buoi e un gran numero di servi.
Così i Filistei lo invidiarono,
15
perciò i Filistei turarono, riempiendoli di terra, tutti i pozzi che i servi di suo padre avevano scavati, al tempo di Abrahamo suo padre.
16
Allora Abimelek disse a Isacco: «Vattene da noi, poiché tu sei molto piú potente di noi».
17
Così Isacco se ne andò di là e si accampò nella valle di Gherar, e là dimorò.
18
E Isacco scavò di nuovo i pozzi di acqua che erano stati scavati al tempo di Abrahamo suo padre, e che i Filistei avevano turati dopo la morte di Abrahamo;
e pose loro gli stessi nomi che aveva loro posto suo padre.
19
Poi i servi di Isacco scavarono nella valle e vi trovarono un pozzo di acqua viva.
20
Ma i pastori di Gherar altercarono coi pastori d'Isacco, dicendo: «L'acqua è nostra».
Ed egli chiamò il pozzo Esek, perché quelli avevano conteso con lui.
21
I servi scavarono quindi un altro pozzo, ma quelli altercarono anche per questo.
E Isacco lo chiamò Sitnah.
22
Allora egli se ne andò di là e scavò un altro pozzo per il quale quelli non altercarono.
Ed egli lo chiamò Rehoboth, perché egli disse: «Ora l'Eterno ci ha messi al largo, e noi prospereremo nel paese».
23
Poi di là Isacco salì a Beer-Sceba.
24
E l'Eterno gli apparve quella stessa notte, e gli disse: «Io sono il DIO di Abrahamo tuo padre;
non temere, perché io sono con te;
ti benedirò e moltiplicherò la tua discendenza per amore di Abrahamo mio servo».
25
Allora egli costruì in quel luogo un altare e invocò il nome dell'Eterno, e vi piantò la sua tenda.
La i servi di Isacco scavarono un pozzo.
26
Poi Abimelek da Gherar andò da lui con Ahuzzath, suo amico e con Pikol, capo del suo esercito.
27
E Isacco disse loro: «Perché siete venuti da me, dal momento che mi odiate e mi avete allontanato da voi».
28
Allora essi risposero: «Noi abbiamo chiaramente visto che l'Eterno è con te.
Così abbiamo detto: "Si faccia ora un giuramento fra di noi, fra noi e te, e facciamo un'alleanza con te":
29
e cioè, che tu non ci farai alcun male, così come noi non ti abbiamo toccato e non ti abbiamo fatto altro che del bene, e ti abbiamo lasciato andare in pace.
Tu sei ora il benedetto dell'Eterno».
30
Così Isacco imbandì per loro un convito ed essi mangiarono e bevvero.
31
La mattina dopo si alzarono presto e si scambiarono un giuramento.
Poi Isacco li accomiatò e quelli se ne andarono da lui in pace.
32
Or avvenne che, in quello stesso giorno, i servi di Isacco gli vennero a dar notizia del pozzo che avevano scavato dicendogli: «Abbiamo trovato dell'acqua».
33
Ed egli lo chiamò Scibah.
Per questo la città porta il nome di Beer-Sceba, fino al giorno d'oggi.
34
Quando Esaú ebbe quarant'anni, prese per moglie Judith, figlia di Beeri, lo Hitteo e Basemath, figlia di Elon, lo Hitteo.
35
Esse furono causa di profonda amarezza a Isacco e Rebecca.