1
Continuate nell'amore fraterno.
2
Non dimenticate l'ospitalità, perché alcuni, praticandola, hanno ospitato senza saperlo degli angeli.
3
Ricordatevi dei carcerati come se foste loro compagni e di quelli che sono maltrattati, sapendo che anche voi siete nel corpo.
4
Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti e il letto coniugale sia incontaminato, poiché Dio giudicherà i fornicatori e gli adulteri.
5
Nel vostro comportamento non siate amanti del denaro e accontentatevi di quello che avete, perché Dio stesso ha detto: «Io non ti lascerò e non ti abbandonerò».
6
Cosí possiamo dire con fiducia: «Il Signore è il mio aiuto, e io non temerò.
Che cosa mi potrà fare l'uomo?».
7
Ricordatevi dei vostri conduttori, che vi hanno annunziato la parola di Dio e, considerando il risultato della loro condotta, imitate la loro fede.
8
Gesú Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno.
9
Non lasciatevi trasportare qua e là da varie e strane dottrine, perché è bene che il cuore sia reso saldo dalla grazia e non da cibi, da cui non ebbero alcun giovamento quelli che ne fecero uso.
10
Noi abbiamo un altare del quale non hanno diritto di mangiare quelli che servono al tabernacolo.
11
Infatti i corpi degli animali, il cui sangue è portato dal sommo sacerdote nel santuario per il peccato, sono bruciati fuori del campo,
12
Perciò anche Gesú, per santificare il popolo con il proprio sangue, ha sofferto fuori della porta.
13
Usciamo dunque fuori del campo e andiamo a lui portando il suo vituperio.
14
Infatti non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura.
15
Per mezzo di lui dunque, offriamo del continuo a Dio un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome.
16
E non dimenticate la beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perché Dio si compiace di tali sacrifici.
17
Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perché essi vegliano sulle anime vostre, come chi ha da renderne conto, affinché facciano questo con gioia e non sospirando, perché ciò non vi sarebbe di alcun vantaggio.
18
Pregate per noi, perché crediamo di avere una buona coscienza, desiderando di comportarci rettamente in ogni cosa.
19
Ma vi esorto ancor di piú a fare questo, affinché io vi sia restituito al piú presto.
20
Ora il Dio della pace, che in virtú del sangue del patto eterno ha fatto risalire dai morti il Signor nostro Gesú Cristo, il grande Pastore delle pecore,
21
vi perfezioni in ogni buona opera, per fare la sua volontà, operando in voi ciò che è gradito davanti a lui per mezzo di Gesú Cristo, al quale sia la gloria nei secoli dei secoli.
Amen.
22
Ora vi prego, fratelli, ritenete questa parola di esortazione, perché vi ho scritto brevemente.
23
Sappiate che il fratello Timoteo è stato liberato;
se viene presto, vi vedrò con lui.
24
Salutate tutti i vostri conduttori e tutti i santi.
Quelli d'Italia vi salutano.
25
La grazia sia con tutti voi.
Amen.