1
«Quando avrei voluto guarire Israele, allora si è scoperta l'iniquità di Efraim e la malvagità di Samaria, perché praticano la falsità: il ladro entra, una banda di briganti fa incursioni fuori.
2
Essi non considerano dentro di loro che io ricordo tutta la loro malvagità.
Ora le loro azioni li circondano da ogni lato;
esse stanno davanti alla mia faccia.
3
Con le loro malvagità rallegrano il re e i capi con le loro menzogne.
4
Sono tutti degli adulteri, come un forno riscaldato dal fornaio, che cessa di attizzare il fuoco dopo aver impastato la farina finché sia lievitata.
5
Nel giorno del nostro re i capi lo hanno fatto ammalare con il calore del vino il re ha steso la mano agli schernitori.
6
Mentre stanno in agguato, essi preparano il loro cuore come un forno;
il loro fornaio dorme tutta la notte, e al mattino il forno arde come un fuoco divampante.
7
Tutti sono ardenti come un forno e divorano i loro giudici;
tutti i loro re sono caduti, ma nessuno di loro mi invoca.
8
Efraim si mescola con i popoli, Efraim è una focaccia non rivoltata.
9
Gli stranieri divorano la sua forza, ma egli non se ne accorge;
sí, ha dei capelli grigi sparsi qua e là, ma non se ne accorge.
10
L'orgoglio d'Israele testimonia contro di lui, ma essi non tornano all'Eterno, il loro DIO, né lo cercano nonostante tutto questo.
11
Efraim è una colomba stupida, senza intendimento;
essi invocano l'Egitto, vanno in Assiria.
12
Mentre andranno, stenderò su di loro la mia rete e li farò cadere come gli uccelli del cielo;
li castigherò, come è stato annunciato alla loro assemblea.
13
Guai a loro, perché si sono allontanati da me! Distruzione per loro, perché si sono ribellati, contro di me! Io vorrei riscattarli, ma essi dicono menzogne contro di me.
14
Essi non gridano a me con il loro cuore, ma si lamentano sui loro letti.
Si radunano insieme per il grano e il vino e si ribellano contro di me.
15
Anche se li ho castigati e ho fortificato le loro braccia, essi macchinano del male contro di me.
16
Essi tornano, ma non all'Altissimo;
sono come un arco fallace;
i loro capi cadranno di spada per il furore della loro lingua;
questo tornerà a loro derisione nel paese d'Egitto».