1
Profezia su Babilonia, data in visione a Isaia, figlio di Amots.
2
«Issate una bandiera su un alto monte, alzate la voce verso di loro, agitate la mano perché entrino nelle porte dei principi.
3
Io ho dato ordini a quelli che sono a me consacrati, ho chiamato i miei prodi per eseguire la mia ira, quelli che esultano nella mia grandezza.
4
C'è il rumore di una grande moltitudine sui monti, simile a quello di un popolo immenso;
il rumore tumultuoso di regni, di nazioni radunate.
L'Eterno degli eserciti passa in rassegna l'esercito per la battaglia.
5
Vengono da un paese lontano, dalla estremità dei cieli, l'Eterno e gli strumenti della sua ira, per distruggere tutta la terra.
6
Urlate, perché il giorno dell'Eterno è vicino;
esso viene come una devastazione da parte dell'Onnipotente.
7
Perciò tutte le mani saranno fiacche e ogni cuor d'uomo verrà meno.
8
Saranno colti da spavento, spasimi e dolori li prenderanno, si contorceranno come una partoriente, si guarderanno l'un l'altro sbigottiti, le loro facce saranno facce di fuoco.
9
Ecco, il giorno dell'Eterno viene: giorno crudele, d'indignazione e d'ira ardente, per fare della terra un deserto e sterminare da essa i peccatori.
10
Poiché le stelle del cielo e le loro costellazioni non faranno piú brillare la loro luce;
il sole si oscurerà al suo sorgere e la luna non diffonderà piu la sua luce.
11
Io punirò il mondo per la sua malvagità e gli empi per la loro iniquità;
metterò fine all'alterigia dei superbi e abbatterò l'arroganza dei tiranni.
12
Renderò l'uomo mortale piú raro dell'oro fino, l'umanità piú rara dell'oro di Ofir.
13
Perciò farò tremare i cieli, e la terra sarà scossa dal suo luogo a causa dell'indignazione dell'Eterno degli eserciti nel giorno della sua ira ardente.
14
Allora, come una gazzella inseguita o come un gregge che nessuno raduna, ognuno si volgerà verso il suo popolo, ognuno fuggirà al proprio paese.
15
Chiunque sarà trovato sarà trafitto, e chiunque sarà preso cadrà di spada.
16
I loro bambini saranno sfracellati davanti ai loro occhi, le loro case saranno saccheggiate e le loro mogli saranno violentate.
17
Ecco, io suscito contro di essi i Medi che non penseranno all'argento e non prenderanno alcun piacere nell'oro.
18
I loro archi atterreranno i giovani;
non avranno pietà del frutto del grembo;
il loro occhio non risparmierà i bambini.
19
Cosí Babilonia, lo splendore dei regni, la gloria dell'orgoglio dei Caldei, sarà come Sodoma e Gomorra quando DIO le sovvertí.
20
Essa non sarà mai piú abitatapopolata di generazione in generazione l'Arabo non vi pianterà piú la tenda, né i pastori vi faranno sostare le greggi.
21
Ma vi riposeranno le fiere del deserto, le sue case saranno piene di gufi, vi dimoreranno gli struzzi vi danzeranno i satiri.
22
Le iene ululeranno nelle sue case desolate, gli sciacalli nei suoi palazzi lussuosi.
Il suo tempo si avvicina, i suoi giorni non saranno prolungati».