1
In quel tempo Ezechia si ammalò mortalmente.
Il profeta Isaia, figlio di Amots, si recò da lui e gli disse: «Cosí parla l'Eterno: Metti in ordine la tua casa, perché morirai e non guarirai».
2
Ezechia allora voltò la faccia verso la parete e pregò l'Eterno:
3
«Ti supplico, o Eterno, ricordati come ho camminato davanti a te con fedeltà e con cuore integro e ho fatto ciò che è bene ai tuoi occhi».
Poi Ezechia diede in un gran pianto.
4
Allora la parola dell'Eterno fu rivolta a Isaia, dicendo:
5
«Va' e di' a Ezechia: Cosí dice l'Eterno, il DIO di Davide, tuo padre: Ho udito la tua preghiera, ho visto le tue lacrime;
ecco, io aggiungerò ai tuoi giorni quindici anni;
6
libererò te e questa città dalle mani del re di Assiria e proteggerò questa città.
7
Questo è per te il segno da parte dell'Eterno, che l'Eterno adempirà la parola che ha detto:
8
ecco, io farò retrocedere di dieci gradini l'ombra che per effetto del sole si è allungata sui gradini di Achaz».
E il sole retrocesse di dieci gradini sui gradini dai quali era disceso.
9
Scritto di Ezechia, re di Giuda, quando cadde ammalato e guarí dalla sua malattia.
10
Io dicevo: «Al culmine dei miei giorni me ne andrò alle porte dello Sceol;
sono privato del resto dei miei anni».
11
Dicevo: «Non vedrò piú l'Eterno, sí, l'Eterno, sulla terra dei viventi;
fra gli abitanti del mondo dei trapassati non vedrò piú alcun uomo.
12
La mia dimora terrena è divelta e portata via lontano da me, come una tenda di pastori.
Ho arrotolato la mia vita come un tessitore.
Egli mi recide dalla trama;
dal giorno alla notte porrai termine alla mia vita.
13
Ho calmato me stesso fino al mattino;
come un leone, cosí egli spezza tutte le mie ossa;
dal giorno alla notte porrai termine alla mia vita.
14
Stridevo come una gru o una rondine, gemevo come una colomba, i miei occhi erano stanchi di guardare in alto.
O Eterno, sono oppresso;
sii tu il mio garante.
15
Che dirò? Egli mi ha parlato ed egli stesso ha fatto questo.
Io camminerò lentamente durante tutti i miei anni, nell'amarezza della mia anima.
16
O Signore, mediante queste cose si vive, e in tutte queste cose sta la vita del mio spirito;
perciò guariscimi e rendimi la vita!
17
Ecco, è per la mia pace che ho provato grande amarezza, ma nel tuo amore hai liberato la mia anima dalla fossa della corruzione, perché hai gettato dietro le tue spalle tutti i miei peccati.
18
Poiché lo Sceol non può lodarti, la morte non può celebrarti, quelli che scendono nella fossa non possono piú sperare nella tua fedeltà.
19
Il vivente, il vivente è quello che ti loda, come faccio io quest'oggi, il padre farà conoscere ai figli la tua fedeltà.
20
L'Eterno mi salverà, e noi canteremo i miei cantici con gli strumenti a corda, tutti i giorni della nostra vita nella casa dell'Eterno».
21
Or Isaia aveva detto: «Si prenda un impiastro di fichi, lo si applichi sull'ulcera ed egli guarirà».
22
Ezechia aveva detto: «Qual è il segno per cui salirò alla casa dell'Eterno?».