1
Bel è caduto, Nebo è crollato;
e i loro idoli sono portati via da bestie da soma e da giumenti;
le cose che voi trasportavate sono caricate come pesanti fardelli per le bestie affaticate.
2
Sono crollati, sono caduti insieme;
non hanno potuto salvare il carico, ma essi stessi sono andati in cattività.
3
«Ascoltatemi, o casa di Giacobbe e tutto il residuo della casa d'Israele, che siete stati da me sorretti fin dalla nascita che siete stati portati fin dal grembo materno:
4
"Fino alla vostra vecchiaia io sarò lo stesso, io vi porterò fino alla canizie.
Io vi ho fatto ed io vi sosterrò;
sí, vi porterò e vi salverò".
5
A chi mi vorreste assomigliare e uguagliare, a chi mi vorreste paragonare quasi fossimo simili?
6
Costoro profondono l'oro dalla borsa e pesano l'argento con la bilancia, pagano un orefice perché ne faccia un dio;
poi gli si prostrano davanti e l'adorano.
7
Se lo caricano sulle spalle e lo portano, lo mettono al suo posto e là rimane;
dal suo posto non si muove più.
Anche se uno grida a lui, non risponde né lo salva dalla sua sventura.
8
Ricordate questo e mostratevi uomini! Richiamatelo alla mente, o trasgressori.
9
Ricordate le cose passate di molto tempo fa, perché io sono Dio e non c'è alcun' altro;
sono DIO e nessuno è simile a me,
10
che annuncio la fine fin dal principio, e molto tempo prima le cose non ancora avvenute, che dico: "Il mio piano sussisterà e farò tutto ciò che mi piace",
11
che chiamo dall'est un uccello da preda e da una terra lontana l'uomo che eseguirà il mio disegno.
Sí, ho parlato e lo farò avvenire;
ne ho formato il disegno e lo eseguirò.
12
Ascoltatemi ostinati di cuore, che siete lontani dalla giustizia.
13
Faccio avvicinare la mia giustizia, non è lontana, la mia salvezza, non tarderà.
Porrò la salvezza in Sion e farò vedere la mia gloria a Israele».