1
Isole, ascoltatemi, e prestate attenzione, o popoli lontani.
L'Eterno mi ha chiamato fin dal grembo materno, ha menzionato il mio nome fin dalle viscere di mia madre.
2
Ha reso la mia bocca come una spada tagliente, mi ha nascosto nell'ombra della sua mano, mi ha reso una freccia appuntita, mi ha riposto nella sua faretra.
3
Mi ha detto: «Tu sei il mio servo, Israele, in cui sarò glorificato».
4
Ma io dicevo: «Invano ho faticato, per nulla e inutilmente ho speso la mia forza;
certamente però il mio diritto è presso l'Eterno e la mia ricompensa presso il mio DIO».
5
E ora dice l'Eterno che mi ha formato fin dal grembo materno per essere suo servo, per ricondurre a lui Giacobbe e per radunare intorno a lui Israele (io sono onorato agli occhi dell'Eterno, e il mio DIO è la mia forza).
6
Egli dice: «E' troppo poco che tu sia mio servo per rialzare le tribú di Giacobbe e per ricondurre gli scampati d'Israele.
Ti ho stabilito come la luce delle nazioni, perché tu sia la mia salvezza fino alle estremità della terra».
7
Cosí dice l'Eterno, il Redentore d'Israele, il suo Santo, a colui che è disprezzato dagli uomini, al detestato dalla nazione, al servo dei potenti: «I re vedranno e si leveranno, i principi si prostreranno, a causa dell'Eterno che è fedele, il Santo d'Israele, che ti ha scelto».
8
Cosí dice l'Eterno: «Nel tempo della grazia io ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho aiutato, ti preserverò e ti farò l'alleanza del popolo, per far risorgere il paese, per rimetterli in possesso delle eredità devastate,
9
per dire ai prigionieri: "Uscite" e a quelli che sono nelle tenebre: "Mostratevi".
Essi pascoleranno lungo le strade e su tutte le alture desolate avranno i loro pascoli.
10
Non avranno famesete, non li colpirà piúcaldosole, perché colui che ha pietà di loro li guiderà e li condurrà alle sorgenti d'acqua.
11
Trasformerò tutti i miei monti in strade, e le mie strade maestre saranno elevate.
12
Ecco, questi vengono da lontano;
ecco, quelli dal nord e dall'est, e quelli dal paese di Sinim».
13
Giubilate, o cieli, rallegrati, o terra, e prorompete in grida di gioia, o monti, perché l'Eterno consola il suo popolo e ha compassione dei suoi afflitti.
14
Ma Sion ha detto: «L'Eterno mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato».
15
«Può una donna dimenticare il bambino lattante e non aver compassione del figlio delle sue viscere? Anche se esse dovessero dimenticare, io non ti dimenticherò.
16
Ecco, io ti ho scolpita sulle palme delle mie mani, le tue mura mi stanno sempre davanti.
17
I tuoi figli si affretteranno, i tuoi distruttori e i tuoi devastatori si allontaneranno da te.
18
Alza i tuoi occhi tutt'intorno e guarda.
Tutti costoro si radunano e vengono a te, Com'è vero che io vivo, dice l'Eterno, ti rivestirai di tutti loro come di un ornamento e li legherai su di te come fa una sposa.
19
Perciò i tuoi luoghi deserti e desolati e il tuo paese una volta colpito dalla distruzione saranno ora troppo angusti per gli abitanti, mentre quelli che ti divoravano saranno ben lontani.
20
I figli che avrai dopo quelli che hai perso, ti diranno all'orecchio: "Questo posto è troppo angusto per me;
fammi piú spazio, perché mi possa stabilire
21
Allora tu dirai in cuor tuo: "Chi ha generato costoro? Io ero infatti stata privata dei miei figli, ero sterile, esule e scacciata di qui e di là.
Questi chi li ha allevati? Ecco, io ero rimasta sola, e questi dov'erano?"».
22
Cosí dice il Signore, l'Eterno: «Ecco io leverò la mia mano verso le nazioni, alzerò la mia bandiera verso i popoli, allora riporteranno i tuoi figli in braccio, e le tue figlie saranno portate sulle spalle.
23
I re saranno i tuoi padri adottivi e le loro regine saranno le tue nutrici, essi si prostreranno davanti a te con la faccia a terra e leccheranno la polvere dei tuoi piedi;
cosí saprai che io sono l'Eterno e che coloro che sperano in me non saranno svergognati.
24
Si potrà forse strappare la preda al potente o liberare il prigioniero giusto?».
25
Sí, cosí dice l'Eterno: «Anche il prigioniero sarà portato via e la preda del tiranno sarà ricuperata.
Io stesso combatterò con chi combatte con te e salverò i tuoi figli.
26
Farò mangiare ai tuoi oppressori la loro stessa carne, e si inebrieranno col loro stesso sangue come col mosto.
Allora ogni carne riconoscerà che io, l'Eterno, sono il tuo Salvatore, il tuo Redentore, il Potente di Giacobbe».