1
Cosí dice l'Eterno: «Osservate il diritto e praticate la giustizia perché la mia salvezza, sta per venire e la mia giustizia per essere rivelata.
2
Beato l'uomo che agisce cosí e il figlio dell'uomo che si attiene a questo, che osserva il sabato senza profanarlo e che trattiene la sua mano dal fare qualsiasi male».
3
Non dica il figlio dello straniero che si è unito all'Eterno: «L'Eterno mi ha certamente escluso dal suo popolo».
E non dica l'eunuco: «Ecco, io sono un albero secco».
4
Poiché cosí dice l'Eterno: «Agli eunuchi che osservano i miei sabati, scelgono ciò che a me piace e si attengono fermamente al mio patto,
5
darò loro nella mia casa e dentro le mie mura un posto e un nome, che varranno meglio di quello dei figli e delle figlie;
darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato.
6
I figli degli stranieri che si sono uniti all'Eterno per servirlo, per amare il nome dell'Eterno e per essere suoi servi, tutti quelli che osservano il sabato senza profanarlo e si attengono fermamente al mio patto,
7
li condurrò sul mio monte santo e li riempirò di gioia nella mia casa d'orazione, i loro olocausti e i loro sacrifici saranno graditi sul mio altare, perché la mia casa sarà chiamata una casa di orazione per tutti i popoli».
8
Il Signore, l'Eterno, che raduna i dispersi d'Israele, dice: «Io raccoglierò intorno a lui anche altri, oltre a quelli già raccolti».
9
Voi tutte, bestie dei campi, venite a divorare;
venite, voi tutte, bestie della foresta!
10
I suoi guardiani sono ciechi, sono tutti senza conoscenza, sono tutti cani muti, incapaci di abbaiare;
fanno sogni, stanno sdraiati, amano sonnecchiare.
11
Sono cani ingordi, che non sono mai sazi;
sono pastori che non capiscono nulla;
seguono tutti la loro via, ognuno mira al proprio interesse, per conto suo.
12
«Venite», dicono, «prenderò del vino e ci ubriacheremo di bevande inebrianti;
domani sarà come oggi, anzi molto meglio».