1
Sono stato ricercato da quelli che non chiedevano di me, sono stato trovato da quelli che non mi cercavano.
Ho detto: «Eccomi, eccomi», a una nazione che non invocava il mio nome.
2
Ho steso tutto il giorno le mie mani verso un popolo ribelle che cammina per una via non buona, seguendo i propri pensieri,
3
un popolo che mi provoca continuamente ad ira con sfrontataggine, che offre sacrifici nei giardini e brucia incenso su altari di mattoni,
4
che sta fra i sepolcri e passa le notti in luoghi segreti, che mangia carne di porco e ha nei suoi vasi brodo di cose abominevoli,
5
che dice: «Sta' per conto tuo, non avvicinarti, perché sono piú santo di te».
Queste cose sono per me un fumo nel naso, un fuoco che arde tutto il giorno.
6
«Ecco, tutto questo sta scritto davanti a me;
io non tacerò, ma ripagherò, sì, ripagherò nel loro grembo
7
le vostre iniquità e le iniquità dei vostri padri tutte insieme», dice l'Eterno.
«Essi hanno bruciato incenso sui monti e mi hanno oltraggiato sui colli, perciò misurerò nel loro grembo il salario della loro condotta passata».
8
Cosí dice l'Eterno: «Come quando si trova succo nel grappolo, si dice: "Non distruggetelo, perché in esso c'è una benedizione" cosí farò io per amor dei miei servi, e non distruggerò ogni cosa.
9
Io farò uscire da Giacobbe una progenie e da Giuda un erede dei miei monti;
i miei eletti possederanno il paese e i miei servi vi abiteranno.
10
Sharon diventerà un ovile di greggi e la valle di Akor, un luogo di riposo per armenti, per il mio popolo che mi cercherà.
11
Ma voi che abbandonate l'Eterno, che dimenticate il mio santo monte, che preparate una mensa per Gad, e riempite la coppa di vino drogato per Meni,
12
vi destino alla spada, cadrete tutti per la strage, perché quando ho chiamato non avete risposto, quando ho parlato non avete dato ascolto, ma avete fatto ciò che è male ai miei occhi e avete scelto ciò che mi dispiace».
13
Perciò cosí dice il Signore, l'Eterno: «Ecco, i miei servi mangeranno, ma voi avrete fame;
ecco, i miei servi berranno, ma voi avrete sete;
ecco, i miei servi si rallegreranno, ma voi sarete confusi
14
ecco, i miei servi canteranno per la gioia del loro cuore, ma voi griderete per l'angoscia del cuore e urlerete per l'afflizione di spirito.
15
Voi lascerete il vostro nome come esecrazione ai miei eletti.
Il Signore, l'Eterno, ti farà morire, ma darà ai suoi servi un altro nome.
16
Cosí chi invocherà su di sé una benedizione nel paese, lo farà per il DIO di verità, e chi giurerà nel paese giurerà per il DIO di verità perché le sventure passate saranno dimenticate e saranno nascoste ai miei occhi».
17
«Poiché ecco, io creo nuovi cieli e nuova terra, e le cose di prima non si ricorderanno piú e non verranno piú in mente.
18
Ma voi gioite ed esultate per sempre in ciò che creo, perché, ecco, io creo Gerusalemme per il gaudio e il suo popolo per la gioia
19
Mi rallegrerò di Gerusalemme e gioirò del mio popolo;
in essa non si udrà piú alcuna voce di piantovoce di grida,
20
Non vi sarà piú in essa alcun bimbo che viva solo pochi giorni, né vecchio che non compia i suoi giorni, poiché il giovane morirà a cento anni e il peccatore che non giunge ai cento anni, sarà considerato maledetto.
21
Costruiranno case e le abiteranno pianteranno vigne e ne mangeranno il frutto.
22
Non costruiranno piú perché un altro vi abiti, non pianteranno piú perché un altro mangi;
poiché i giorni del mio popolo saranno come i giorni degli alberi;
e i miei eletti godranno a lungo dell'opera delle loro mani.
23
Non faticheranno invanodaranno alla luce figli per una improvvisa distruzione, perché saranno la progenie dei benedetti dall'Eterno e i loro discendenti con essi.
24
E avverrà che prima che mi invochino io risponderò, staranno ancora parlando che io li esaudirò.
25
Il lupo e l'agnello pascoleranno insieme, il leone mangerà la paglia come il bue e il serpente si nutrirà di polvere.
Non faranno piú alcun dannodistruzione su tutto il mio santo monte», dice l'Eterno.