1
Or l'Angelo dell'Eterno salì da Ghilgal a Bokim e disse: «Io vi ho fatto salire dall'Egitto e vi ho condotto nel paese che avevo giurato di dare ai vostri padri.
Avevo anche detto: "Io non romperò mai il mio patto con voi.
2
Ma voi non farete alcuna alleanza con gli abitanti di questo paese e demolirete i loro altari".
Voi però non avete ubbidito alla mia voce.
Perché avete fatto questo?
3
Così ora dico: lo non li scaccerò davanti a voi;
ma essi saranno come spine nei vostri fianchi, e i loro dèi saranno per voi un laccio».
4
Appena l'Angelo dell'Eterno ebbe detto queste parole a tutti i figli d'Israele, il popolo alzò la voce e pianse.
5
Perciò chiamarono quel luogo Bokim e vi offrirono sacrifici all'Eterno.
6
Or Giosuè congedò il popolo, e i figli d'Israele se ne andarono ciascuno alla sua eredità per prendere possesso del paese.
7
Il popolo servì l'Eterno durante tutta la vita di Giosuè e durante tutta la vita degli anziani che sopravvissero a Giosuè, e che avevano visto tutte le grandi opere che l'Eterno aveva compiuto per Israele.
8
Poi Giosuè, figlio di Nun, servo dell'Eterno morì in età di centodieci anni,
9
e fu sepolto nel territorio della sua eredità a Timnath-Heres nella regione montuosa di Efraim, a nord della montagna di Gaash.
10
Quando tutta quella generazione fu riunita ai suoi padri, dopo di essa sorse un'altra generazione che non conosceva l'Eterno, né le opere che egli aveva compiuto per Israele.
11
I figli d'Israele fecero ciò che è male agli occhi dell'Eterno e servirono Baal;
12
abbandonarono l'Eterno, il DIO dei loro padri che li aveva fatti uscire dal paese d'Egitto, e seguirono altri dèi fra gli dèi dei popoli che li attorniavano, si prostrarono davanti a loro e provocarono ad ira l'Eterno;
13
essi abbandonarono l'Eterno e servirono Baal e le Ashtaroth.
14
E l'ira dell'Eterno si accese contro Israele e li diede nelle mani dei predoni, che li spogliarono;
e li vendette nelle mani dei loro nemici all'intorno, ai quali non poterono piú tener fronte.
15
Dovunque andavano, la mano dell'Eterno era contro di loro portando calamità, come l'Eterno aveva detto, come l'Eterno aveva loro giurato;
e furono grandemente angustiati.
16
Poi l'Eterno suscitava dei giudici, che li liberavano dalle mani di coloro che li spogliavano.
17
Purtroppo essi non davano ascolto neppure ai loro giudici, ma si prostituivano ad altri dèi e si prostravano davanti a loro.
Abbandonarono ben presto la via seguita dai loro padri, i quali avevano ubbidito ai comandamenti dell'Eterno;
essi però non fecero così.
18
Quando l'Eterno suscitava loro dei giudici l'Eterno era col giudice e li liberava dalla mano dei loro nemici durante tutta la vita del giudice;
perché l'Eterno era mosso a compassione dai loro gemiti a motivo di quelli che li opprimevano e li angariavano.
19
Ma quando il giudice moriva, tornavano a corrompersi piú dei loro padri andando dietro ad altri dèi per servirli prostrarsi davanti a loro;
e non desistevano affatto dalle loro opere e dalla loro condotta ostinata.
20
Perciò l'ira dell'Eterno si accese contro Israele, ed egli disse: «Poiché questa nazione ha violato il patto che avevo stabilito con i loro padri ed essi non hanno ubbidito alla mia voce,
21
anch'io non scaccerò piú davanti a loro alcuna delle nazioni che Giosuè lasciò quando mori;
22
così per mezzo loro metterò alla prova Israele per vedere se si atterranno alla via dell'Eterno e cammineranno per essa come fecero i loro padri, o no».
23
Perciò l'Eterno lasciò stare quelle nazioni senza scacciarle subito, e non le diede nelle mani di Giosuè.