1
La parola dell'Eterno mi fu ancora rivolta, dicendo:
2
«Va' e grida alle orecchie di Gerusalemme, dicendo: Cosí dice l'Eterno: Io mi ricordo di te, della tenera attenzione della tua giovinezza, dell'amore al tempo del tuo fidanzamento, quando mi seguivi nel deserto, in una terra non seminata.
3
Israele, era consacrato all'Eterno, le primizie del suo raccolto;
tutti quelli che lo divoravano diventavano colpevoli, e la calamità si abbatteva su di loro», dice l'Eterno.
4
Ascoltate la parola dell'Eterno, o casa di Giacobbe, e voi tutte le famiglie della casa d'Israele.
5
Cosí dice l'Eterno: «Che cosa hanno trovato di ingiusto in me i vostri padri, per allontanarsi da me, andare dietro alla vanità e diventare essi stessi vanità?
6
Non hanno neppure detto: "Dov'è l'Eterno che ci ha fatto uscire dal paese d'Egitto, che ci ha condotto attraverso il deserto, per un paese arido e di crepacci, per un paese riarso e di ombra di morte, per un paese dove nessuno era mai passato e dove nessuno aveva mai abitato?
7
Io vi ho condotto in un paese fertile, perché mangiaste dei suoi frutti e dei suoi beni;
ma quando siete entrati, avete contaminato il mio paese e avete reso la mia eredità un'abominazione.
8
sacerdoti non hanno detto: "Dov'è l'Eterno?", quelli che si occupano della legge non mi hanno conosciuto, i pastori si sono ribellati contro di me, i profeti hanno profetizzato per Baal, e hanno seguito cose che non giovano a nulla.
9
Perciò contenderò ancora in giudizio con voi», dice l'Eterno, «e contenderò con i figli dei vostri figli.
10
Recatevi nelle isole di Kittim, e guardate, mandate a Kedar e osservate bene, e vedete se è mai avvenuta una cosa simile.
11
Ha mai una nazione cambiato i suoi dèi, anche se non sono dèi? Ma il mio popolo ha cambiato la sua gloria perciò che non giova a nulla.
12
Stupitevi, o cieli, di questo;
inorridite e siate grandemente desolati», dice l'Eterno.
13
«Poiché il mio popolo ha commesso due mali: ha abbandonato me, la sorgente di acqua viva, per scavarsi cisterne, cisterne rotte, che non tengono l'acqua.
14
Israele è forse uno schiavo, o uno schiavo nato in casa? Perché dunque è diventato una preda?
15
I leoncelli ruggiscono contro di lui, fanno udire la loro voce e riducono il suo paese a una desolazione;
le sue città sono bruciate e nessuno piú vi abita.
16
Perfino gli abitanti di Nof e di Tahpanhes ti divorano la corona della tua testa.
17
Non ti sei forse attirato addosso questo perché hai abbandonato l'Eterno, il tuo DIO, mentre ti conduceva per la strada?
18
E ora perché hai preso la strada che porta in Egitto, per andare a bere le acque di Scihor? O perché hai preso la strada che porta in Assiria, per andare a bere le acque del Fiume?
19
La tua stessa malvagità ti castigherà e i tuoi sviamenti ti puniranno.
Riconosci perciò e vedi quanto cattivo e amaro sia per te l'abbandonare l'Eterno, il tuo DIO, e il non avere in te alcun timore di me», dice il Signore, l'Eterno degli eserciti.
20
«Poiché da molto tempo hai infranto il tuo giogo, hai rotto i tuoi legami e hai detto: "Non voglio piú servire! Ma sopra ogni alto colle e sotto ogni albero verdeggiante ti sei sdraiata come una prostituta.
21
Eppure ti avevo piantato come una nobile vigna tutta della migliore qualità;
come dunque ti sei cambiata nei miei confronti in tralci degeneri di vigna straniera?
22
Anche se ti lavassi con la soda e usassi molto sapone, la tua iniquità la scerebbe un'impronta indelebile davanti a me», dice il Signore, l'Eterno.
23
«Come puoi dire: "Non mi son contaminata, non sono andata dietro ai Baal, Guarda la strada da te percorsa nella valle, riconosci, ciò che hai fatto, dromedaria veloce, che corre senza freno nelle sue vie.
24
Asina selvatica, abituata al deserto, che aspira l'aria nell'ardore del suo desiderio;
nella stagione degli amori chi può trattenerla? Tutti quelli che la cercano non devono affaticarsi: nel suo mese la troveranno.
25
Impedisci che il tuo piede rimanga scalzo e che la tua gola si inaridisca.
Ma tu hai detto: "E' inutile.
No! Io amo gli stranieri e voglio seguire loro".
26
Come rimane confuso il ladro quando è sorpreso sul fatto, cosí sono confusi quelli della casa d'Israele, essi, i loro re, i loro principi, i loro sacerdoti e i loro profeti,
27
i quali dicono al legno: "Tu sei mio padre" e alla pietra: "Tu ci hai dato la vita".
Sí, essi mi hanno voltato le spalle e non la faccia.
Ma nel tempo della loro sventura dicono: "Lèvati e salvaci!"
28
Ma dove sono i tuoi dèi che ti sei fatto Si lèvino, se possono salvarti nel tempo della tua sventura.
Poiché numerosi come le tue città sono i tuoi dèi, o Giuda.
29
Perché contendete con me? Voi tutti vi siete ribellati contro di me», dice l'Eterno.
30
«Invano ho colpito i vostri figli;
non hanno accettato la correzione.
La vostra spada ha divorato i vostri profeti come un leone distruttore.
31
O generazione, considera la parola dell'Eterno! Sono forse stato un deserto per Israele o un paese di fitte tenebre? Perché dice il mio popolo: "Noi girovaghiamo liberamente, non torneremo piú da te"?
32
Può una fanciulla dimenticare i suoi ornamenti, o una sposa la sua cintura? Eppure il mio popolo mi ha dimenticato da giorni innumerevoli.
33
Come usi bene le tue maniere per procurarti amore! Cosí hai insegnato le tue maniere persino alle donne malvagie.
34
Perfino sui lembi della tua veste si trova il sangue di poveri innocenti, che non furono sorpresi a scassinare.
Ma, nonostante tutte queste cose,
35
tu dici: Sono innocente;
certamente la sua ira si è ritirata da me Ecco, io entrerò in giudizio con te, perché hai detto: "Non ho peccato"
36
Perché vagabondi cosí tanto, cambiando il tuo cammino? Sarai delusa anche dall'Egitto, come sei stata delusa dall'Assiria.
37
Anche da esso uscirai con le tue mani sul capo, perché l'Eterno ha rigettato quelli nei quali tu confidi, e tu non realizzerai i tuoi intenti per mezzo di loro.