1
La parola dell'Eterno che fu rivolta al profeta Geremia contro i Filistei, prima che il Faraone attaccasse Gaza.
2
Cosí dice l'Eterno: «Ecco, delle acque salgono dal nord, diventano un torrente che straripa e inondano il paese e tutto ciò che contiene, la città e quelli che abitano in essa;
allora gli uomini grideranno e tutti gli abitanti del paese urleranno.
3
Allo strepito degli zoccoli scalpitanti dei suoi possenti destrieri, al fragore dei suoi carri, al fracasso delle sue ruote, i padri non si volgeranno verso i figli per la debolezza delle loro mani,
4
a motivo del giorno che viene per devastare tutti i Filistei, eliminando da Tiro e Sidone ogni superstite che può dar aiuto, perché l'Eterno distruggerà i Filistei, i superstiti dell'isola di Kaftor.
5
Gaza è divenuta calva, Ashkelon è distrutta.
O superstiti della loro valle, fino a quando vi farete incisioni?
6
O spada dell'Eterno, quando mai ti concederai riposo? Rientra nel tuo fodero, fermati e sta' calma!
7
Come potrebbe riposare, se l'Eterno le ha dato ordini contro Ashkelon e contro il lido del mare?;
egli l'ha convocata là».