1
La parola che l'Eterno pronunciò contro Babilonia e contro il paese dei Caldei per mezzo del profeta Geremia:
2
«Annunziatelo fra le nazioni, proclamatelo e innalzate una bandiera;
proclamatelo e non nascondetelo.
Dite: "Babilonia è presa.
Bel, è coperto di vergogna, Merodak è infranto, le sue immagini sono coperte di vergogna, i suoi idoli sono infranti".
3
Poiché dal nord sale contro di lei una nazione che ridurrà il paese a un deserto e nessuno piú abiterà in essa;
uomini e bestie fuggiranno, se ne andranno.
4
In quei giorni e in quel tempo», dice l'Eterno, «i figli d'Israele e i figli di Giuda verranno insieme;
cammineranno piangendo e cercheranno l'Eterno il loro DIO.
5
Domanderanno della via di Sion verso cui volgeranno le loro facce, dicendo: "Venite, uniamoci all'Eterno, con un patto eterno, che non sia piú dimenticato
6
Il mio popolo è stato un gregge di pecore smarrite;
i loro pastori le avevano sviate, le avevano fatte smarrire sui monti.
Sono andate di monte in colle e hanno dimenticato il luogo del loro riposo.
7
Tutti quelli che le trovavano, le divoravano, e i loro nemici dicevano: "Non siamo colpevoli, perché hanno peccato contro l'Eterno, dimora della giustizia, l'Eterno, speranza dei loro padri".
8
Fuggite di mezzo a Babilonia, uscite dal paese dei Caldei e siate come capri davanti al gregge.
9
Poiché ecco, io suscito e faccio salire contro Babilonia una moltitudine di grandi nazioni dal paese del nord, e si schiereranno contro di essa;
di là essa sarà presa.
Le loro frecce sono come quelle di un abile arciere;
nessuna ritorna a vuoto.
10
La Caldea sarà abbandonata al saccheggio;
tutti i suoi saccheggiatori saranno saziati», dice l'Eterno.
11
«Gioite e rallegratevi, o saccheggiatori della mia eredità, perché vi siete ingrassati come una giovenca che trebbia il grano e nitrite come forti destrieri.
12
Vostra madre sarà grandemente svergognata, colei che vi ha partoriti arrossirà.
Ecco, essa sarà l'ultima delle nazioni, un deserto, una terra arida, una solitudine,
13
A motivo dell'ira dell'Eterno non sarà piú abitata, sarà una completa desolazione;
chiunque passerà vicino a Babilonia rimarrà stupito e fischierà per tutte le sue ferite.
14
Schieratevi tutt'intorno a Babilonia, o voi tutti tiratori d'arco.
Tirate contro di essa, non risparmiate alcuna freccia, perché ha peccato contro l'Eterno.
15
Mandate grida di guerra contro di essa tutt'intorno;
ella si è arresa le sue fondamenta sono cadute, le sue mura sono crollate, perché questa è la vendetta dell'Eterno.
Vendicatevi di lei.
Fate a lei come essa ha fatto ad altri,
16
Sterminate da Babilonia chi semina e chi impugna la falce al tempo della messe.
Per paura della spada dell'oppressore ciascuno ritornerà al suo popolo, ciascuno fuggirà al proprio paese.
17
Israele è una pecora smarrita, a cui i leoni hanno dato la caccia;
per primo l'ha divorata il re di Assiria, poi quest'ultimo, Nebukadnetsar, re di Babilonia, le ha frantumato le ossa».
18
Perciò cosí dice l'Eterno degli eserciti, il DIO d'Israele: «Ecco, io punirò il re di Babilonia e il suo paese, come ho punito il re di Assiria.
19
Ma ricondurrò Israele al suo pascolo, pascolerà sul Karmel e in Bashan e la sua anima si sazierà sui colli di Efraim e in Galaad.
20
In quei giorni, in quel tempo», dice l'Eterno, «si cercherà l'iniquità d'Israele, ma non ce ne sarà alcuna, e i peccati di Giuda, ma non si troveranno;
perché io perdonerò a quelli che lascerò come residuo.
21
Sali contro il paese di Merathaim, e contro gli abitanti di Pekod.
Devasta e votali allo sterminio», dice l'Eterno, «e fa' esattamente come io ti ho comandato!
22
Nel paese c'è rumore di guerra e la distruzione è grande.
23
Perché è stato fatto a pezzi e distrutto il martello di tutta la terra? Perché Babilonia è divenuta una desolazione fra le nazioni?
24
Ti ho teso un laccio e tu sei stata presa, o Babilonia, senza avvedertene.
Sei stata trovata e catturata, perché hai fatto guerra contro l'Eterno.
25
L'Eterno ha aperto il suo arsenale e ha tratto fuori le armi della sua indignazione, poiché questa è un'opera che il Signore, l'Eterno degli eserciti, deve compiere nel paese dei Caldei.
26
Venite contro di lei dalle estremità piú lontane, aprite i suoi granai, fatene un mucchio di rovine e votatela allo sterminio, che nulla ne resti.
27
Uccidete tutti i suoi tori, scendano al macello.
Guai a loro, perché il loro giorno è giunto, il giorno della loro punizione.
28
Si ode la voce di quelli che fuggono e scappano dal paese di Babilonia per annunciare in Sion la vendetta dell'Eterno, il nostro DIO, la vendetta del suo tempio.
29
Convocate contro Babilonia gli arcieri, tutti quelli che tendono l'arco.
Accampatevi tutt'intorno contro di lei, nessuno scampi.
Ripagatela secondo le sue opere, fate a lei esattamente come lei ha fatto ad altri, perché è stata arrogante contro l'Eterno, contro il Santo d'Israele.
30
Perciò i suoi giovani cadranno nelle sue piazze e tutti i suoi uomini di guerra periranno in quel giorno», dice l'Eterno.
31
«Eccomi contro di te, o arrogante» dice il Signore, l'Eterno degli eserciti «perché il tuo giorno è giunto, il tempo in cui ti punirò.
32
L'arrogante vacillerà e cadrà, e nessuno lo rialzerà.
Io appiccherò il fuoco alle sue città, e divorerà tutto ciò che lo circonda».
33
Cosí dice l'Eterno degli eserciti: «I figli d'Israele erano oppressi insieme ai figli di Giuda.
Tutti quelli che li hanno portati in cattività li hanno tenuti saldamente e hanno rifiutato di lasciarli andare.
34
Il loro Redentore è forte;
il suo nome è l'Eterno degli eserciti.
Egli difenderà certamente la loro causa per dar riposo alla terra e per far tremare gli abitanti di Babilonia.
35
Una spada pende sui Caldei», dice l'Eterno, «sugli abitanti di Babilonia, sui suoi principi, sui suoi savi.
36
Una spada pende sui bugiardi vanagloriosi, che risulteranno insensati;
una spada pende sui suoi prodi, che saranno atterriti.
37
Una spada pende sui suoi cavalli, sui suoi carri e su tutto il miscuglio di gente che è in mezzo a lei, la quale diventerà come tante donne, una spada pende sui suoi tesori, che saranno saccheggiati.
38
Una siccità pende sulle sue acque, che saranno prosciugate, perché e un paese di immagini scolpite e vanno pazzi per i loro idoli.
39
Perciò vi abiteranno le bestie del deserto con gli sciacalli e vi si stabiliranno gli struzzi.
Non sarà mai piú abitatapopolata di generazione in generazione.
40
Come DIO distrusse Sodoma Gomorra e le città loro vicine», dice l'Eterno, «cosí non vi abiterà piú alcuno né vi dimorerà piú figlio d'uomo.
41
Ecco, un popolo viene dal nord una grande nazione e molti re sono suscitati dalle estremità della terra.
42
Essi impugnano arco e lancia, sono crudeli e non hanno alcuna pietà;
la loro voce ruggirà come il mare.
Montano cavalli, sono pronti a combattere come un sol uomo contro di te, o figlia di Babilonia.
43
Il re di Babilonia ha udito parlare di loro e le sue mani si indeboliscono;
l'ha colto l'angoscia, doglie come di donna che sta per partorire.
44
Ecco, sale come un leone dal rigonfiamento del Giordano contro la forte dimora, Ma io li farò improvvisamente fuggire da lei e stabilirò su di essa colui che ho scelto.
Chi infatti è come me e chi può citarmi in giudizio? Chi è dunque quel pastore che può tenermi fronte?
45
Perciò ascoltate il disegno che l'Eterno ha concepito contro Babilonia e le decisioni che ha preso contro il paese dei Caldei.
Certo saranno trascinati via anche i piú piccoli del gregge, certo la loro dimora sarà devastata.
46
Al rumore della presa di Babilonia la terra tremerà e il loro grido sarà udito fra le nazioni».