1
Cosí dice l'Eterno: «Ecco, io susciterò contro Babilonia e contro gli abitanti di Leb Kamai un vento distruttore.
2
Manderò contro Babilonia degli stranieri che la vaglieranno e svuoteranno il suo paese, perché nel giorno della calamità piomberanno su di lei da tutte le parti.
3
Non lasciare che colui che tende l'arco tenda il suo arco o si rizzi nella sua corazza.
Non risparmiate i suoi giovani, votate allo sterminio tutto il suo esercito.
4
Cosí essi cadranno uccisi nel paese dei Caldei e trafitti per le vie di Babilonia.
5
Poiché Israele, e Giuda non sono stati ripudiati dal loro DIO, dall'Eterno degli eserciti, anche se il loro paese era pieno di colpe contro il Santo d'Israele».
6
Fuggite di mezzo a Babilonia e salvi ognuno la propria vita, guardate di non essere distrutti nella sua iniquità.
Poiche questo è il tempo di vendetta dell'Eterno;
egli le darà la giusta ricompensa.
7
Babilonia era nelle mani dell'Eterno una coppa d'oro che inebriava tutta la terra;
le nazioni hanno bevuto del suo vino, perciò le nazioni sono divenute deliranti.
8
Improvvisamente Babilonia è caduta è stata distrutta.
Innalzate lamenti su di essa, prendete del balsamo per il suo dolore;
forse può essere guarita.
9
Noi volevamo guarire Babilonia, ma essa non è guarita.
Abbandonatela e andiamo ciascuno al proprio paese, perché il suo giudizio giunge fino al cielo e si eleva fino alle nuvole.
10
L'Eterno ha fatto trionfare la nostra giusta causa.
Venite, raccontiamo in Sion l'opera dell'Eterno, il nostro DIO.
11
Affilate le frecce, imbracciate gli scudi, L'Eterno ha risvegliato lo spirito dei re dei Medi, perché il suo disegno contro Babilonia è di distruggerla, poiché questa è la vendetta dell'Eterno, la vendetta del suo tempio.
12
Alzate la bandiera sulle mura di Babilonia.
Rafforzate le guardie, disponete le sentinelle, preparate gli agguati.
Poiché l'Eterno ha escogitato ed eseguito ciò che ha detto contro gli abitanti di Babilonia.
13
O tu che abiti presso grandi acque, ricca di tesori, la tua fine è giunta, il termine dei tuoi ingiusti guadagni.
14
L'Eterno degli eserciti lo ha giurato per se stesso: «Io ti riempirò di uomini come di locuste che eleveranno contro di te grida di guerra».
15
Egli ha fatto la terra con la sua potenza, ha stabilito il mondo con la sua sapienza e con la sua intelligenza ha disteso i cieli,
16
Quando emette la sua voce, c'è un rumore di acque nel cielo;
egli fa salire i vapori dalle estremità della terra, produce i lampi per la pioggia e fa uscire il vento dai suoi depositi.
17
Ogni uomo allora diventa stupido, privo di conoscenza ogni orafo ha vergogna della sua immagine scolpita, perché la sua immagine fusa è una menzogna, e non c'è soffio vitale in loro.
18
Sono vanità, opera d'inganno;
nel tempo della loro punizione periranno.
19
L'eredità di Giacobbe non è come loro, perché egli ha formato tutte le cose, e Israele è la tribú della sua eredità.
Il suo nome è l'Eterno degli eserciti.
20
«Tu sei per me un martello, uno strumento di guerra, con te schiaccerò le nazioni, con te distruggerò i regni;
21
con te frantumerò cavallo e cavaliere, con te frantumerò carro e cocchiere;
22
con te frantumerò uomo e donna, con te frantumerò vecchio e fanciullo, con te frantumerò giovane e vergine;
23
con te frantumerò il pastore e il suo gregge, con te frantumerò il contadino e il suo paio di buoi, con te frantumerò governatori e magistrati.
24
Ma io ripagherò Babilonia e tutti gli abitanti della Caldea per tutto il male che hanno fatto a Sion sotto i vostri occhi».
dice l'Eterno.
25
«Eccomi contro di te, o montagna di distruzione», dice l'Eterno, «tu che distruggi tutta la terra.
Io stenderò la mia mano contro di te, ti rotolerò giú dalle rocce e farò di te una montagna bruciata.
26
Da te non si prenderà piúpietra angolare, né pietra da fondamento, ma tu diventerai una desolazione per sempre» dice l'Eterno.
27
Alzate una bandiera nel paese, suonate la tromba fra le nazioni;
preparate le nazioni contro di lei, chiamate a raccolta contro di lei i regni: Ararat, Minni e Ashkenaz.
Nominate contro di lei un comandante.
Fate avanzare i cavalli come locuste irsute.
28
Preparate contro di lei le nazioni, con i re di Media i suoi governatori, tutti i suoi magistrati e tutti i paesi dei suoi domini.
29
La terra tremerà e sarà in doglie, perché i disegni dell'Eterno contro Babilonia si compiranno, di ridurre il paese di Babilonia una desolazione, senza abitanti.
30
I prodi di Babilonia hanno smesso di combattere;
sono rimasti nelle loro fortezze;
la loro forza è venuta meno sono divenuti come donne.
Hanno incendiato le sue abitazioni, le sbarre delle sue porte sono spezzate.
31
Corriere corre incontro a corriere e messaggero incontro a messaggero, per annunciare al re di Babilonia che la sua città è presa da ogni lato;
32
i guadi sono occupati, le paludi sono in preda alle fiamme e gli uomini di guerra sono terrorizzati.
33
Poiché cosí dice l'Eterno degli eserciti, il DIO d'Israele: «La figlia di Babilonia è come un'aia al tempo in cui la si calpesta;
ancora un poco, e verrà per lei il tempo della mietitura».
34
«Nebukadnetsar, re di Babilonia, ci ha divorati, ci ha schiacciati, ci ha ridotti a un vaso vuoto;
ci ha inghiottiti come un dragone, ha riempito il suo ventre con i nostri cibi squisiti, ci ha cacciati via.
35
La violenza che è stata fatta a me e alla mia carne ricada su Babilonia» dirà l'abitante di Sion.
«Il mio sangue ricada sugli abitanti di Caldea», dirà Gerusalemme.
36
Perciò cosí dice l'Eterno: «Ecco, io difenderò la tua causa e compirò la tua vendetta.
Io farò prosciugare il suo mare e farò inaridire la sua sorgente.
37
Babilonia diventerà un cumulo di rovine, un rifugio per sciacalli un oggetto di stupore e di scherno, senza abitanti.
38
Essi ruggiranno assieme come leoni, ringhieranno come cuccioli di leoni.
39
Quando avranno caldo, darò loro da bere, li inebrierò perché si rallegrino e si addormentino di un sonno perenne, senza piú risvegliarsi», dice l'Eterno.
40
«IO li farò scendere al macello come agnelli, come montoni insieme ai capri.
41
Come mai è stata presa Sceshak ed è stata conquistata la gloria di tutta la terra? Come mai Babilonia è diventata una desolazione fra le nazioni?
42
Il mare è salito sopra Babilonia;
essa è stata sommersa dal fragore delle sue onde.
43
Le sue città sono diventate una desolazione, una terra arida, un deserto, un paese dove non abita alcuno, attraverso cui non passa alcun figlio d'uomo.
44
IO punirò Bel in Babilonia e farò uscire dalla sua bocca ciò che ha ingoiato e le nazioni non affluiranno piú a lui.
Perfino le mura di Babilonia cadranno.
45
Uscite di mezzo ad essa, o popolo mio, e salvi ciascuno la propria vita davanti all'ardente ira dell'Eterno.
46
Non venga meno il vostro cuore e non spaventatevi delle notizie che si udranno nel paese, perché un anno giungerà una notizia e l'anno dopo un'altra notizia.
Ci sarà nel paese violenza, dominatore contro dominatore.
47
Perciò ecco, verranno i giorni nei quali io punirò le immagini scolpite di Babilonia;
tutto il suo paese sarà coperto di vergogna e tutti i suoi feriti a morte cadranno in mezzo a lei.
48
Allora i cieli, la terra e tutto ciò che è in essi esulteranno su Babilonia, perché i devastatori verranno contro di lei dal nord», dice l'Eterno.
49
Come Babilonia ha fatto cadere i feriti a morte d'Israele, cosí in Babilonia cadranno i feriti a morte di tutto il paese.
50
Voi scampati dalla spada partite, non fermatevi;
ricordatevi da lontano dell'Eterno, e Gerusalemme vi torni in cuore.
51
Ci vergognamo nell'udire il vituperio, la vergogna ha coperto la nostra faccia, perché stranieri sono entrati nel santuario della casa dell'Eterno.
52
«Perciò ecco, verranno i giorni», dice l'Eterno, «nei quali punirò le sue immagini scolpite e in tutto il suo paese gemeranno i feriti a morte.
53
Anche se Babilonia salisse fino al cielo, anche se rendesse inaccessibile la sua elevata forza da parte mia verranno contro di essa dei devastatori», dice l'Eterno.
54
Il rumore di un grido giunge da Babilonia di una grande distruzione dal paese dei Caldei.
55
Poiché l'Eterno devasta Babilonia e fa cessare il suo grande rumore;
le loro onde tumultuano, il rumore della loro voce si eleva.
56
Il devastatore infatti è venuto contro di essa, contro Babilonia;
i suoi prodi sono catturati, i loro archi spezzati, perché l'Eterno è il Dio delle retribuzioni;
egli ripagherà certamente.
57
IO inebrierò i suoi principi, i suoi savi, i suoi governatori, i suoi magistrati e i suoi prodi, ed essi dormiranno un sonno eterno e non si desteranno piú», dice il Re, il cui nome è l'Eterno degli eserciti.
58
Cosí dice l'Eterno degli eserciti: «Le larghe mura di Babilonia saranno interamente distrutte, le sue alte porte saranno arse col fuoco;
cosí i popoli avranno lavorato per nulla e le nazioni si saranno stancate solamente per il fuoco».
59
Ordine che il profeta Geremia diede a Seraiah figlio di Neriah, figlio di Mahseiah, quando andò a Babilonia con Sedekia, re di Giuda, nell'anno quarto del suo regno.
Seraiah era capo dei ciambellani.
60
Cosí Geremia scrisse in un libro tutto il male che doveva accadere a Babilonia, tutte queste parole che sono scritte contro Babilonia.
61
E Geremia disse a Seraiah: «Quando arriverai a Babilonia, abbi cura di leggere tutte queste parole,
62
e dirai: "O Eterno, tu hai detto di questo luogo che lo avresti distrutto, e che non vi sarebbe rimasto piú nessuno, né uomobestia, ma che sarebbe diventato una desolazione perpetua"
63
Quando poi avrai finito di leggere questo libro, legherai su di esso una pietra e lo getterai in mezzo all'Eufrate,
64
e dirai: Cosí affonderà Babilonia e non si rialzerà piú dalla calamità che farò venire su di lei;
ed essi saranno esausti.
Fin qui le parole di Geremia.