1
Suonate la tromba in Sion e date l'allarme sul mio santo monte! Tremino tutti gli abitanti del paese, perché il giorno dell'Eterno viene, perché è vicino.
2
giorno di tenebre e di densa oscurità, giorno di nubi e di caligine.
Come l'alba si estende sui monti, viene un popolo numeroso e potente, simile al quale non ci fu mai alcuno prima, né mai piú ce ne sarà per molte generazioni future.
3
Davanti a lui un fuoco divora e dietro a lui brucia una fiamma.
Davanti a lui il paese è come il giardino dell'Eden;
e dietro a lui è un deserto desolato;
sí, nulla gli sfugge.
4
Il loro aspetto è come l'aspetto di cavalli, e corrono come veloci destrieri.
5
Essi balzano sulle cime dei monti con un fragore di carri, come il crepitio di una fiamma di fuoco che divora la stoppia, come un popolo forte schierato in battaglia.
6
Davanti a loro i popoli si contorcono per il dolore, ogni volto impallidisce.
7
Corrono come uomini valorosi, salgono sulle mura come uomini di guerra;
ognuno procede per la sua strada senza deviare dal suo cammino.
8
Nessuno spinge il suo vicino, ognuno procede per il suo sentiero, si slanciano in mezzo ai dardi, ma non sono feriti.
9
Scorazzano per la città, corrono sulle mura, salgono sulle case, entrano dalle finestre come un ladro.
10
Davanti a loro trema la terra, i cieli tremano, il sole e la luna si oscurano e le stelle ritirano il loro splendore.
11
L'Eterno fa udire la sua voce davanti al suo esercito, perché il suo campo è molto grande e potente l'esecutore della sua parola.
Sí, il giorno dell'Eterno è grande e assai terribile;
chi potrà sostenerlo?
12
«Perciò ora», dice l'Eterno, «tornate a me con tutto il vostro cuore, con digiuni, con pianti e con lamenti».
13
Stracciate il vostro cuore e non le vostre vesti e tornate all'Eterno, il vostro DIO, perché egli è misericordioso e pieno di compassione, lento all'ira e di grande benignità, e si pente del male mandato.
14
Chi sa che non si volga e si penta, e lasci dietro a sè una benedizione, un'offerta di cibo e una libazione per l'Eterno, il vostro DIO?
15
Suonate la tromba in Sion, proclamate un digiuno, convocate una solenne assemblea.
16
Radunate il popolo, santificate l'assemblea, riunite i vecchi, radunate i fanciulli e quelli che succhiano al seno.
Esca lo sposo dalla sua camera e la sposa dalla sua camera nuziale.
17
Fra il portico e l'altare, piangano i sacerdoti, i ministri dell'Eterno, e dicano: «Risparmia, o Eterno, il tuo popolo e non dare la tua eredità al vituperio o ad essere dominata dalle nazioni.
Perché si direbbe fra i popoli: "Dov'è il loro DIO?".
18
Allora l'Eterno si è mosso a gelosia per il suo paese e ha avuto compassione del suo popolo.
19
L'Eterno risponderà e dirà al suo popolo: «Ecco, io vi manderò grano, mosto e olio e ne avrete a sazietà e non vi renderò piú il vituperio delle nazioni.
20
Allontanerò da voi l'esercito del nord e lo guiderò in una terra arida e desolata: la sua avanguardia verso il mare orientale e la sua retroguardia verso il mare occidentale, il suo puzzo salirà il suo fetore si leverà, perché ha fatto cose grandi.
21
Non temere, o suolo, gioisci rallegrati, perché l'Eterno ha fatto cose grandi.
22
Non temete, o bestie dei campi, perché i terreni da pascolo, sono rinverditi gli alberi portano il loro frutto il fico e la vite danno tutta la loro ricchezza.
23
Gioite quindi, o figli di Sion, e rallegratevi nell'Eterno, il vostro DIO, perché vi ha dato la prima pioggia, secondo giustizia e farà cadere per voi la pioggia, la prima pioggia e l'ultima pioggia nel primo mese.
24
Le aie saranno piene di grano e i tini traboccheranno di mosto e di olio
25
cosí vi compenserò delle annate che hanno divorato la cavalletta, la larva della cavalletta la locusta e il bruco, il mio grande esercito che avevo mandato contro di voi.
26
E voi mangerete in abbondanza e sarete saziati, e loderete il nome dell'Eterno, il vostro DIO, che per voi ha fatto meraviglie, e il mio popolo non sarà mai piú coperto di vergogna.
27
Allora voi riconoscerete che io sono in mezzo ad Israele e che sono l'Eterno, il vostro DIO, e non ce n'è alcun altro;
il mio popolo non sarà mai piú coperto di vergogna».
28
«Dopo questo avverrà che io spanderò il mio Spirito sopra ogni carne, i vostri figli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri vecchi faranno sogni, i vostri giovani avranno visioni.
29
In quei giorni spanderò il mio Spirito anche sui servi e sulle serve.
30
Farò prodigi nei cieli e sulla terra: sangue fuoco e colonne di fumo.
31
Il sole sarà mutato in tenebre e la luna in sangue, prima che venga il grande e terribile giorno dell'Eterno.
32
E avverrà che chiunque invocherà il nome dell'Eterno sarà salvato, perché sul monte Sion e in Gerusalemme vi sarà salvezza, come ha detto l'Eterno, e fra i superstiti che l'Eterno chiamerà».