1
Allora Bildad di Shuah rispose e disse:
2
«Quando porrai fine alle parole? Acquista intendimento e poi parleremo.
3
Perché siamo considerati come bestie e ritenuti spregevoli ai tuoi occhi?
4
Tu che laceri te stesso nella tua ira, dovrebbe la terra essere abbandonata per causa tua o la roccia essere rimossa dal suo posto?
5
Sí, la luce del malvagio si spegne e la fiamma del suo fuoco non brilla piú.
6
La luce nella sua tenda si oscura e la sua lampada sopra di lui si estingue.
7
I suoi passi vigorosi si raccorciano e i suoi stessi disegni lo portano in rovina.
8
Poiché i suoi piedi lo spingono nella rete e andrà ad incappare in un laccio.
9
Una trappola lo afferra per il calcagno e un laccio lo trattiene saldamente.
10
Per lui c'è un laccio nascosto in terra e una trappola sul sentiero.
11
Terrori lo spaventano da ogni lato e lo incalzano ad ogni passo.
12
La sua forza viene meno per la fame e la rovina è pronta a colpirlo al suo fianco.
13
Divora pezzi della sua pelle;
il primogenito della morte divora le sue membra.
14
Egli è strappato dalla sua tenda che riteneva sicura ed è condotto davanti al re degli spaventi.
15
Nella sua tenda dimora chi non è dei suoi, e sulla sua casa si sparge zolfo.
16
In basso le sue radici si seccano, e in alto i suoi rami sono recisi.
17
Il suo ricordo scompare dalla terra e non si farà piú il suo nome per le strade
18
E' sospinto dalla luce nelle tenebre ed è scacciato dal mondo.
19
Non ha né figlidiscendenza tra il suo popolo e nessun superstite nella sua dimora.
20
Della sua fine rimangono stupiti quelli che l'hanno seguito e sono spaventati quelli che l'hanno preceduto.
21
Proprio cosí sono le dimore dei malvagi e questo è il luogo di chi non conosce Dio».