1
Come si è annerito l'oro, si è alterato l'oro migliore! Le pietre del santuario sono sparse all'imbocco di tutte le strade.
2
I preziosi figli di Sion valutati come oro fino, come mai sono ritenuti quali vasi di argilla, lavoro delle mani di vasaio?
3
Perfino gli sciacalli porgono le mammelle per allattare i loro piccoli, ma la figlia del mio popolo è divenuta crudele come gli struzzi del deserto.
4
La lingua del lattante si attacca al suo palato per la sete;
i bambini domandano pane ma non c'è chi ne dia loro.
5
Quelli che mangiavano cibi squisiti languono per le strade;
quelli che erano allevati nella porpora abbracciano il letamaio.
6
La punizione dell'iniquità della figlia del mio popolo è maggiore della punizione del peccato di Sodoma, che fu distrutta in un attimo, senza che mano d'uomo le venisse contro.
7
I suoi principi erano piú splendenti della neve, piú bianchi del latte, avevano il corpo piú rosso dei coralli, il loro volto era come uno zaffiro.
8
Ora il loro aspetto è piú nero dell'oscurità;
non si riconoscono piú nelle strade;
la loro pelle aderisce alle loro ossa, si è seccata, è divenuta come un legno.
9
Gli uccisi di spada stanno meglio di quelli che muoiono di fame, perché questi deperiscono estenuati per mancanza dei prodotti del campo.
10
Le mani delle donne pietose hanno fatto cuocere i loro stessi bambini, son serviti loro di cibo, nella rovina della figlia del mio popolo.
11
L'Eterno ha esaurito il suo furore, ha riversato la sua ira ardente, ha acceso in Sion un fuoco, che ha divorato le sue fondamenta.
12
I re della terra e tutti gli abitanti del mondo non avrebbero mai creduto che l'avversario e il nemico sarebbero entrati nelle porte di Gerusalemme.
13
Ma questo è avvenuto per i peccati dei suoi profeti e per le iniquità dei suoi sacerdoti, che hanno versato in mezzo ad essa il sangue dei giusti.
14
Essi erravano come ciechi per le strade, contaminati di sangue, di modo che nessuno poteva toccare le loro vesti.
15
Al loro apparire la gente gridava: «Allontanatevi, un impuro! Allontanatevi, allontanatevi, non toccatelo!».
Quando fuggivano e andavano errando fra le nazioni dicevano: «Non potranno piú rimanere qui».
16
La faccia dell'Eterno li ha dispersi, non volgerà piú su di loro il suo sguardo;
non hanno avuto rispetto per i sacerdotihanno usato pietà per i vecchi.
17
Inoltre i nostri occhi si consumavano nell'attesa di un vano soccorso.
Dal nostro posto di osservazione aspettavamo invano una nazione che non poteva salvarci.
18
Ci davano la caccia ad ogni passo, impedendoci di camminare per le nostre piazze.
La nostra fine è prossima, i nostri giorni sono compiuti, la nostra fine è giunta.
19
I nostri persecutori sono stati piú veloci delle aquile del cielo;
Ci hanno inseguito sui monti, ci hanno teso agguati nel deserto.
20
Il soffio delle nostre narici, l'unto dell'Eterno è stato preso nelle loro fosse, lui, del quale dicevamo: «Alla sua ombra noi vivremo fra le nazioni».
21
Rallegrati e gioisci, o figlia di Edom, che dimori nel paese di Uts.
Anche a te giungerà il calice;
ti ubriacherai e scoprirai la tua nudità.
22
La punizione della tua iniquità si è compiuta, o figlia di Sion.
Egli non ti manderà piú in cattività, ma punirà la tua iniquità, o figlia di Edom, metterà allo scoperto i tuoi peccati.