1
Or avvenne nell'ottavo giorno che Mosè chiamò Aaronne, i suoi figli e gli anziani d'Israele,
2
e disse ad Aaronne: «Prendi un vitello per il sacrificio per il peccato e un montone per un olocausto, ambedue senza difetto, e offrili davanti all'Eterno.
3
Parlerai quindi ai figli d'Israele, dicendo: Prendete un capro per un sacrificio per il peccato, un vitello e un agnello, ambedue di un anno, senza difetto, per un olocausto.
4
un torello e un montone per un sacrificio di ringraziamento, per sacrificarli davanti all'Eterno, e un'offerta di cibo, mescolata con olio, perché oggi l'Eterno vi apparirà».
5
Essi dunque portarono davanti alla tenda di convegno ciò che Mosè aveva comandato;
e tutta l'assemblea si avvicinò e rimase in piedi davanti all'Eterno.
6
Allora Mosè disse: Questo è ciò che l'Eterno vi ha comandato;
fatelo, e la gloria dell'Eterno vi apparirà».
7
Poi Mosè disse ad Aaronne: «Avvicinati all'altare;
offri il tuo sacrificio per il peccato e il tuo olocausto e fa' l'espiazione per te e per il popolo;
presenta pure l'offerta del popolo e fa' l'espiazione per loro, come l'Eterno ha comandato».
8
Così Aaronne si avvicinò all'altare e scannò il vitello del sacrificio per il peccato, che era per sé.
9
Poi i suoi figli gli presentarono il sangue ed egli intinse il suo dito nel sangue e lo mise sui corni dell'altare, e versò il resto del sangue alla base dell'altare;
10
ma il grasso, i reni e il lobo grasso del fegato della vittima per il peccato, li fece fumare sull'altare, come l'Eterno aveva ordinato a Mosè.
11
La carne e la pelle invece le bruci fuori del campo.
12
Poi scannò l'olocausto;
i figli di Aaronne gli porsero il sangue ed egli lo spruzzò tutt'intorno sull'altare.
13
Gli porsero quindi l'olocausto fatto a pezzi e la testa;
ed egli li fece fumare sull'altare.
14
Lavò gli intestini e le gambe e li fece fumare con l'olocausto sull'altare.
15
Poi presentò l'offerta del popolo.
Prese il capro, che era il sacrificio per il peccato del popolo, lo scannò e l'offrì per il peccato, come il primo.
16
Poi presentò l'olocausto e lo offerse secondo la regola stabilita.
17
Presentò quindi l'oblazione di cibo;
ne prese una manciata e la fece fumare sull'altare, oltre l'olocausto della mattina.
18
Scannò anche il torello e il montone, come sacrificio di ringraziamento per il popolo.
I figli di Aaronne gli porsero il sangue, ed egli lo spruzzò tutt'intorno sull'altare.
19
Gli porsero il grasso del bue, del montone, la coda grassa, il grasso che copre gli intestini, i reni e il lobo grasso del fegato;
20
misero il grasso sui petti, ed egli fece fumare il grasso sull'altare;
21
ma i petti e la coscia destra Aaronne li agitò davanti all'Eterno come offerta agitata nel modo che Mosè aveva ordinato.
22
Poi Aaronne alzò le sue mani verso il popolo e lo benedisse;
dopo aver fatto il sacrificio per il peccato, l'olocausto e i sacrifici di ringraziamento discese dall'altare.
23
Quindi Mosè ed Aaronne entrarono nella tenda di convegno;
poi uscirono e benedissero il popolo.
Allora la gloria dell'Eterno apparve a tutto il popolo.
24
Quindi un fuoco uscì dalla presenza dell'Eterno e consumò sull'altare l'olocausto e il grasso;
tutto il popolo lo vide, proruppe in grida di gioia e si prostrò con la faccia a terra.