1
«Di Davide» O Eterno, contendi con quelli che contendono con me;
combatti con quelli che combattono contro di me.
2
Prendi lo scudo e la corazza e levati in mio aiuto.
3
Tira fuori la lancia e sbarra il passo a quelli che mi perseguitano;
dì all'anima mia: «sono la tua salvezza».
4
Siano confusi e svergognati quelli che cercano la mia vita, voltino le spalle e siano confusi quelli che tramano del male contro di me.
5
Siano come pula al vento e l'angelo dell'Eterno li scacci.
6
Sia la loro via tenebrosa e sdrucciolevole, e dell'Eterno li insegua.
7
Poiché senza motivo mi hanno teso di nascosto la loro rete;
senza motivo mi hanno scavato una fossa.
8
Un'improvvisa rovina piombi loro addosso, siano presi nella rete che hanno nascosto e cadano nella fossa che hanno preparato per la mia rovina.
9
Allora l'anima mia esulterà nell'Eterno e si rallegrerà nella sua salvezza.
10
Tutte le mie ossa diranno: «O Eterno chi è pari a te, che liberi il misero da chi è piú forte di lui, il misero e il bisognoso da chi lo deruba?».
11
Testimoni spietati si levano contro di me e mi domandano cose delle quali non so nulla.
12
Mi rendono male per bene, lasciando cosí sconsolata la mia vita.
13
Eppure, quando erano infermi, io mi vestivo di cilicio, e affliggevo l'anima mia col digiuno, e pregavo col capo chino sul petto.
14
Andavo in giro, come se si trattasse di un amico o di mio fratello, andavo tutto ricurvo per il dolore, come uno che faccia cordoglio di sua madre.
15
Ma quando io ho inciampato, essi si sono rallegrati e si sono radunati insieme;
si sono radunati contro di me dei calunniatori, che io non conoscevo, mi hanno lacerato senza posa.
16
Assieme a dei malvagi buffoni da mensa, digrignano i denti contro di me.
17
O Signore, fino a quando starai a guardare? Salva la mia vita dalle devastazioni da loro ordite, l'unico mio bene dalle zanne dei leoni.
18
Io ti celebrerò nella grande assemblea, ti loderò in mezzo a un popolo numeroso.
19
Non si rallegrino di me quelli che a torto mi sono nemici, non strizzino l'occhio quelli che mi odiano senza motivo.
20
perché essi non parlano mai di pace, ma tramano inganni contro la gente pacifica del paese.
21
Sí, allargano la loro bocca contro di me e dicono: «Ah, ah! L'abbiamo visto con i nostri occhi».
22
O Eterno, tu hai visto queste cose, non tacere;
o Signore, non allontanarti da me.
23
Risvegliati e destati, per farmi giustizia e per difendere la mia causa, o DIO mio e Signore mio.
24
Giudicami secondo la tua giustizia, o Eterno, DIO mio, e fa' che essi non si rallegrino di me,
25
e non dicano in cuor loro: «Ah, proprio come volevamo»;
e non dicano: «L'abbiamo divorato».
26
Siano svergognati e confusi tutti quelli che si rallegrano del mio male;
siano coperti di vergogna e di vituperio quelli che si esaltano contro di me.
27
Cantino e si rallegrino quelli che hanno a cuore la mia giusta causa e dicano del continuo: «Magnificato sia l'Eterno, che vuole la pace del suo servo».
28
La mia lingua celebrerà la tua giustizia e canterà la tua lode tutto il giorno.