1
«Cantico di Asaf» O DIO, perché ci hai respinti per sempre? Perché arde l'ira tua contro il gregge del tuo pascolo?
2
Ricordati del tuo popolo, che una volta acquistasti, che tu riscattasti perché fosse la tribú della tua eredità, di questo monte Sion, sul quale hai abitato.
3
Dirigi i tuoi passi a queste rovine irreparabili;
il nemico ha devastato tutto nel santuario.
4
I tuoi nemici hanno ruggito nel luogo delle tue assemblee;
vi hanno posto le loro insegne per stendardi.
5
Sembrava che vibrassero delle scuri nel folto di una selva.
6
E ora con asce e martelli demoliscono tutte le sue sculture.
7
Hanno dato alle fiamme il tuo santuario;
hanno profanato la dimora del tuo nome, gettandola a terra.
8
Hanno detto in cuor loro: «Distruggiamoli tutti quanti»;
hanno arso tutti i luoghi delle assemblee divine nel paese.
9
Noi non vediamo piú i nostri segni non vi è piú profeta, e tra noi non vi è alcuno che sappia fino a quando.
10
Fino a quando, o DIO, oltraggerà l'avversario? Il nemico disprezzerà forse il tuo nome per sempre?
11
Perché ritiri la tua mano, proprio la tua destra? Tirala fuori dal tuo seno e distruggili.
12
Ma DIO è il mio re dai tempi antichi;
è lui che opera la salvezza sulla terra.
13
Con la tua forza dividesti il mare e schiacciasti la testa dei mostri marini nelle acque.
14
Frantumasti le teste del Leviathan e le desti in pasto al popolo del deserto.
15
Facesti sgorgare fonti e torrenti e seccasti fiumi perenni.
16
Tuo è il giorno, tua è anche la notte;
tu hai stabilito la luce e il sole.
17
Tu hai fissato tutti i confini della terra e hai fatto l'estate e l'inverno.
18
Ricordati di questo, o Eterno, che il nemico ti ha oltraggiato e che un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.
19
Non abbandonare alle fiere la vita della tua tortora;
non dimenticare per sempre la vita dei tuoi afflitti.
20
Abbi riguardo al patto, perché i luoghi tenebrosi della terra sono pieni di covi di violenza.
21
Non permettere che l'oppresso se ne torni svergognato;
fa' che l'afflitto e il bisognoso lodino il tuo nome.
22
Levati, o DIO, difendi la tua causa! Ricordati che lo stolto ti oltraggia tutto il giorno.
23
Non dimenticare il grido dei tuoi nemici;
lo strepito di quelli che si levano contro di te sale al cielo continuamente.