1
Ignorate, fratelli (perché parlo a persone che hanno conoscenza della legge), che la legge ha potere sull'uomo per tutto il tempo che egli vive?
2
Infatti una donna sposata è per legge legata al marito finché egli vive, ma se il marito muore, ella è sciolta dalla legge del marito.
3
Perciò, se mentre vive il marito ella diventa moglie di un altro uomo, sarà chiamata adultera;
ma quando il marito muore, ella è liberata da quella legge, per cui non è considerata adultera se diventa moglie di un altro uomo.
4
Così dunque, fratelli miei, anche voi siete morti alla legge mediante il corpo di Cristo per appartenere ad un altro, che è risuscitato dai morti, affinché portiamo frutti a Dio.
5
Infatti, mentre eravamo nella carne, le passioni peccaminose che erano mosse dalla legge operavano nelle nostre membra, portando frutti per la morte,
6
ma ora siamo stati sciolti dalla legge, essendo morti a ciò che ci teneva soggetti, per cui serviamo in novità di spirito e non il vecchio sistema della lettera.
7
Che diremo dunque? Che la legge è peccato? Cosí non sia;
anzi io non avrei conosciuto il peccato, se non mediante la legge;
infatti io non avrei conosciuta la concupiscenza, se la legge non avesse detto: «Non concupire».
8
Il peccato invece, presa occasione da questo comandamento, ha prodotto in me ogni concupiscenza,
9
perché senza la legge, il peccato è morto.
Ci fu un tempo in cui io vivevo senza la legge, ma essendo venuto il comandamento, il peccato prese vita ed io morii,
10
e trovai che proprio il comandamento, che è in funzione della vita, mi era motivo di morte.
11
Infatti il peccato, colta l'occasione per mezzo del comandamento, mi ingannò e mediante quello mi uccise.
12
Cosí, la legge è certamente santa, e il comandamento santo, giusto e buono.
13
Ciò che è buono è dunque diventato morte per me? Cosí non sia;
anzi il peccato mi è diventato morte, affinché appaia che il peccato produce in me la morte per mezzo di ciò che è buono, affinché il peccato divenisse estremamente peccaminoso per mezzo del comandamento,
14
Infatti noi sappiamo che la legge è spirituale, ma io sono carnale, venduto come schiavo al peccato.
15
Giacché non capisco quel che faccio, perché non faccio quello che vorrei, ma faccio quello che odio.
16
Ora, se faccio ciò che non voglio, io riconosco che la legge è buona.
17
Quindi non sono piú io ad agire, ma è il peccato che abita in me.
18
Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo.
19
Infatti il bene che io voglio, non lo faccio;
ma il male che non voglio, quello faccio.
20
Ora, se faccio ciò che non voglio, non sono piú io che lo faccio, ma è il peccato che abita in me.
21
Io scopro dunque questa legge: che volendo fare il bene, in me è presente il male.
22
Infatti io mi diletto nella legge di Dio secondo l'uomo interiore,
23
ma vedo un'altra legge nelle mie membra, che combatte contro la legge della mia mente e che mi rende schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra.
24
O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte?
25
Io rendo grazie a Dio per mezzo di Gesú Cristo, nostro Signore.
Io stesso dunque con la mente servo la legge di Dio, ma con la carne la legge del peccato.