1
Io dico la verità in Cristo, non mento, perché me lo attesta la mia coscienza nello Spirito Santo;
2
ho grande tristezza e continuo dolore nel mio cuore.
3
Infatti desidererei essere io stesso anatema e separato da Cristo per i miei fratelli, miei parenti secondo la carne,
4
che sono Israeliti, dei quali sono l'adozione, la gloria, i patti, la promulgazione della legge, il servizio divino e le promesse;
5
dei quali sono i padri e dai quali proviene secondo la carne il Cristo che è sopra tutte le cose Dio, benedetto in eterno.
Amen.
6
Tuttavia non è che la parola di Dio sia caduta a terra, poiché non tutti quelli che sono d'Israele sono Israele.
7
E neppure perché sono progenie di Abrahamo sono tutti figli;
ma: «In Isacco ti sarà nominata una progenie».
8
Cioè non i figli della carne sono figli di Dio, ma i figli della promessa sono considerati come progenie.
9
Questa fu infatti la parola della promessa: «In questo tempo ritornerò e Sara avrà un figlio».
10
E non solo questo, ma anche Rebecca concepí da un solo uomo, Isacco nostro padre.
11
(infatti, quando non erano ancora nati i figli e non avevano fatto bene o male alcuno, affinché rimanesse fermo il proponimento di Dio secondo l'elezione e non a motivo delle opere, ma per colui che chiama),
12
le fu detto: «Il maggiore servirà al minore»,
13
come sta scritto: «Io ho amato Giacobbe e ho odiato Esaú».
14
Che diremo dunque? C'è ingiustizia presso Dio? Cosí non sia.
15
Egli dice infatti a Mosé: «Io avrò misericordia di chi avrò misericordia, e avrò compassione di chi avrò compassione».
16
Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia.
17
Dice infatti la Scrittura al Faraone: «Proprio per questo ti ho suscitato, per mostrare in te la mia potenza e affinché il mio nome sia proclamato in tutta la terra».
18
Cosí egli fa misericordia a chi vuole e indurisce chi vuole.
19
Tu mi dirai dunque: «Perché trova ancora egli da ridire? Chi può infatti resistere alla sua volontà?».
20
Piuttosto chi sei tu, o uomo, che disputi con Dio? La cosa formata dirà a colui che la formò: «Perché mi hai fatto cosí?».
21
Non ha il vasaio autorità sull'argilla, per fare di una stessa pasta un vaso ad onore e un altro a disonore?
22
E che dire se Dio, volendo mostrare la sua ira e far conoscere la sua potenza, ha sopportato con molta pazienza i vasi d'ira preparati per la perdizione?
23
E questo per far conoscere le ricchezze della sua gloria verso dei vasi di misericordia, che lui ha già preparato per la gloria,
24
cioè noi che egli ha chiamato, non solo fra i Giudei ma anche fra i gentili?
25
Come ancora egli dice in Osea: «Io chiamerò il mio popolo quello che non è mio popolo, e amata quella che non è amata.
26
E avverrà che là dove fu loro detto "Voi non siete mio popolo", saranno chiamati figli del Dio vivente».
27
Ma Isaia esclama riguardo a Israele: «Anche se il numero dei figli d'Israele fosse come la sabbia del mare, solo il residuo sarà salvato».
28
Infatti egli manda ad effetto la decisione con giustizia, perché il Signore manderà ad effetto e accelererà la decisione sopra la terra.
29
E come Isaia aveva predetto: «Se il Signore degli eserciti non ci avesse lasciato un seme, saremmo diventati come Sodoma e saremmo stati simili a Gomorra».
30
Che diremo dunque? Che i gentili, che non cercavano la giustizia, hanno ottenuta la giustizia, quella giustizia però che deriva dalla fede,
31
mentre Israele, che cercava la legge della giustizia, non è arrivato alla legge della giustizia.
32
Perché? Perché la cercava non mediante la fede ma mediante le opere della legge;
essi infatti hanno urtato nella pietra d'inciampo.
33
come sta scritto «Ecco, io pongo in Sion una pietra d'inciampo e una roccia di scandalo, ma chiunque crede in lui non sarà svergognato».