Insoddisfazione dell'uomo

1
C'è un male che ho visto sotto il sole e che grava di frequente sugli uomini:
2
eccone uno a cui Dio dà ricchezze, tesori e gloria, al punto che nulla gli manca di tutto ciò che può desiderare, ma Dio non gli dà il potere di goderne;
ne gode uno straniero.
Ecco una vanità, un male grave.
3
Se uno generasse cento figli, vivesse molti anni tanto che i giorni dei suoi anni si moltiplicassero, se egli non si sazia di beni e non ha sepoltura, io dico che un aborto è piú felice di lui;
4
perché l'aborto nasce invano, se ne va nelle tenebre e il suo nome resta coperto di tenebre;
5
non ha neppure vistoconosciuto il sole e tuttavia ha piú riposo di quell'altro.
6
Anche se questi vivesse due volte mille anni, se non gode benessere, a che scopo? Non va tutto a finire in un medesimo luogo?
7
Tutta la fatica dell'uomo è per la sua bocca, però l'appetito suo non è mai sazio.
8
Che vantaggio ha il saggio sullo stolto? O che vantaggio ha il povero che sa come comportarsi in presenza dei viventi?
9
Vedere con gli occhi vale piú del lasciare vagare i propri desideri.
Anche questo è vanità, un correre dietro al vento.
10
Ciò che esiste è già stato chiamato per nome da tempo, ed è noto che cosa l'uomo è, e che non può contendere con Colui che è piú forte di lui.
11
Moltiplicare le parole significa moltiplicare la vanità;
che vantaggio ne viene all'uomo?
12
Infatti, chi può sapere ciò che è buono per l'uomo nella sua vita, durante tutti i giorni della sua vita vana, che egli passa come un'ombra? Chi sa dire all'uomo quel che sarà dopo di lui sotto il sole?