L’arca rimandata a Israele

1
L’arca del Signore rimase nel paese dei Filistei per sette mesi.
2
Poi i Filistei chiamarono i sacerdoti e gl’indovini, e dissero: «Che faremo dell’arca del Signore? Insegnateci il modo di rimandarla al suo luogo».
3
Quelli risposero: «Se rimandate l’arca del Dio d’Israele, non la rimandate senza niente, ma fate un’offerta di riparazione;
allora guarirete, e così saprete perché la sua mano non si è allontanata da voi».
4
Essi chiesero: «Quale offerta di riparazione gli offriremoQuelli risposero: «Cinque emorroidi d’oro e cinque topi d’oro, secondo il numero dei prìncipi dei Filistei;
perché unico è stato il flagello che ha colpito voi e i vostri prìncipi.
5
Fate dunque delle riproduzioni delle vostre emorroidi e delle sculture dei topi che vi devastano il paese, e date gloria al Dio d’Israele;
forse egli alleggerirà la sua mano da sopra di voi, da sopra i vostri dèi e da sopra il vostro paese.
6
Perché dovreste indurire il vostro cuore, come gli Egiziani e il faraone indurirono il loro cuore? Dopo che egli ebbe manifestato contro di loro la sua potenza, gli Egiziani non lasciarono forse partire gl’Israeliti?
7
Fate dunque un carro nuovo e prendete due vacche che allattino e che non abbiano mai portato giogo;
attaccate al carro le vacche e riconducete nella stalla i loro vitelli.
8
Poi prendete l’arca del Signore e mettetela sul carro;
accanto ad essa mettete, in una cassetta, i lavori d’oro che presentate al Signore come offerta di riparazione;
poi lasciatela andare.
9
E state a vedere: se sale per la via che conduce al suo paese, verso Bet-Semes, vuol dire che il Signore è colui che ci ha fatto questo grande male;
se no, sapremo che non ci ha colpito la sua mano, ma che questo ci è avvenuto per caso».
10
Quelli dunque fecero così;
presero due vacche che allattavano, le attaccarono al carro e chiusero nella stalla i vitelli.
11
Poi misero sul carro l’arca del Signore e la cassetta con i topi d’oro e le riproduzioni delle emorroidi.
12
Le vacche presero direttamente la via che conduce a Bet-Semes;
seguirono sempre la medesima strada, muggendo mentre andavano, e non piegarono né a destra né a sinistra.
I prìncipi dei Filistei le seguirono sino ai confini di Bet-Semes.
13
Gli abitanti di Bet-Semes mietevano il grano nella valle;
alzando gli occhi scorsero l’arca e si rallegrarono nel vederla.
14
Il carro, giunto al campo di Giosuè di Bet-Semes, vi si fermò.
C’era là una grossa pietra;
essi spaccarono i legni del carro e offrirono le vacche in olocausto al Signore.
15
I Leviti deposero l’arca del Signore e la cassetta che le stava accanto contenente gli oggetti d’oro, e misero ogni cosa sulla grossa pietra;
e, in quello stesso giorno, gli abitanti di Bet-Semes offrirono olocausti e presentarono sacrifici al Signore.
16
I cinque prìncipi dei Filistei, veduto ciò, ritornarono il giorno stesso a Ecron.
17
Questo è il numero delle emorroidi d’oro che i Filistei presentarono al Signore come offerta di riparazione: una per Asdod, una per Gaza, una per Ascalon, una per Gat, una per Ecron.
18
Dei topi d’oro ne offrirono tanti quante erano le città dei Filistei appartenenti ai cinque prìncipi, dalle fortezze ai villaggi di campagna che si estendono fino alla grossa pietra sulla quale fu posata l’arca del Signore, e che esiste ancora al giorno d’oggi nel campo di Giosuè, il Bet-Semita.
19
Il Signore colpì gli abitanti di Bet-Semes, perché avevano guardato dentro l’arca del Signore;
colpì settanta uomini fra i cinquantamila del popolo.
Il popolo fece cordoglio, perché il Signore l’aveva colpito con un grande flagello.
20
Quelli di Bet-Semes dissero: «Chi può resistere in presenza del Signore, di questo Dio santo? E dove andrà l’arca, partendo da noi?»
21
Allora spedirono dei messaggeri agli abitanti di Chiriat-Iearim per dire loro: «I Filistei hanno ricondotto l’arca del Signore;
scendete e portatela presso di voi».