Pietro si giustifica per aver fatto battezzare Cornelio

1
Gli apostoli e i fratelli che si trovavano nella Giudea vennero a sapere che anche gli stranieri avevano ricevuto la Parola di Dio.
2
E quando Pietro salì a Gerusalemme, i credenti circoncisi lo contestavano,
3
dicendo: «Tu sei entrato in casa di uomini non circoncisi e hai mangiato con loro
4
Allora Pietro raccontò loro le cose per ordine fin dal principio, dicendo:
5
«Io ero nella città di Ioppe in preghiera e, rapito in estasi, ebbi una visione: un oggetto che scendeva, simile a una grande tovaglia calata dal cielo per i quattro angoli, e giunse fino a me;
6
io, fissandolo con attenzione, lo esaminai e vidi quadrupedi della terra, fiere, rettili e uccelli del cielo.
7
Udii anche una voce che mi diceva: “Pietro, àlzati, ammazza e mangia”.
8
Ma io dissi: “Assolutamente no, Signore, perché nulla di impuro o contaminato è mai entrato nella mia bocca”.
9
Ma la voce [mi] rispose per la seconda volta dal cielo: “Le cose che Dio ha purificate, non farle tu impure”.
10
E ciò accadde per tre volte, poi ogni cosa fu di nuovo ritirata in cielo.
11
In quell’istante tre uomini, mandatimi da Cesarea, si presentarono alla casa dove eravamo.
12
Lo Spirito mi disse di andare con loro, senza farmene scrupolo.
Anche questi sei fratelli vennero con me, ed entrammo in casa di quell’uomo.
13
Egli ci raccontò come aveva visto l’angelo presentarsi in casa sua e dirgli: “Manda qualcuno a Ioppe e fa’ venire Simone, detto anche Pietro.
14
Egli ti parlerà di cose per le quali sarai salvato tu e tutta la tua famiglia”.
15
Avevo appena cominciato a parlare quando lo Spirito Santo scese su di loro, esattamente come su di noi al principio.
16
Mi ricordai allora di quella parola del Signore che diceva: “Giovanni ha battezzato con acqua, ma voi sarete battezzati con lo Spirito Santo”.
17
Se dunque Dio ha dato a loro lo stesso dono che ha dato anche a noi che abbiamo creduto nel Signore Gesù Cristo, chi ero io da potermi opporre a Dio?»
18
Allora, udite queste cose, si calmarono e glorificarono Dio, dicendo: «Dio dunque ha concesso il ravvedimento anche agli stranieri affinché abbiano la vita».


La chiesa di Antiochia;
i credenti sono chiamati cristiani


19
Quelli che erano stati dispersi per la persecuzione avvenuta a causa di Stefano, andarono sino in Fenicia, a Cipro e ad Antiochia, annunciando la Parola solo ai Giudei, e a nessun altro.
20
Ma alcuni di loro, che erano Ciprioti e Cirenei, giunti ad Antiochia, si misero a parlare anche ai Greci, portando il lieto messaggio del Signore Gesù.
21
La mano del Signore era con loro;
e grande fu il numero di coloro che credettero e si convertirono al Signore.
22
La notizia giunse alle orecchie della chiesa che era in Gerusalemme, la quale mandò Barnaba fino ad Antiochia.
23
Quand’egli giunse e vide la grazia di Dio, si rallegrò e li esortò tutti ad attenersi al Signore con cuore risoluto,
24
perché egli era un uomo buono, pieno di Spirito Santo e di fede.
E una folla molto numerosa fu aggiunta al Signore.
25
Poi [Barnaba] partì verso Tarso, a cercare Saulo;
e, dopo averlo trovato, lo condusse ad Antiochia.
26
Essi parteciparono per un anno intero alle riunioni della chiesa e istruirono un gran numero di persone;
ad Antiochia, per la prima volta, i discepoli furono chiamati cristiani.


La chiesa di Antiochia manda dei doni ai cristiani di Gerusalemme

27
In quei giorni, alcuni profeti scesero da Gerusalemme ad Antiochia.
28
E uno di loro, di nome Agabo, alzatosi, predisse mediante lo Spirito che ci sarebbe stata una grande carestia su tutta la terra;
la si ebbe infatti durante l’impero di Claudio [Cesare].
29
I discepoli decisero allora di inviare una sovvenzione, ciascuno secondo le proprie possibilità, ai fratelli che abitavano in Giudea.
30
E così fecero, inviandola agli anziani, per mezzo di Barnaba e di Saulo.