Moltiplicazione dei pani per cinquemila uomini

1
Dopo queste cose Gesù se ne andò all’altra riva del mare di Galilea, cioè il mare di Tiberiade.
2
Una gran folla lo seguiva, perché vedeva i segni che egli faceva sugli infermi.
3
Ma Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli.
4
Or la Pasqua, la festa dei Giudei, era vicina.
5
Gesù dunque, alzati gli occhi e vedendo che una gran folla veniva verso di lui, disse a Filippo: «Dove compreremo del pane perché questa gente abbia da mangiare
6
Diceva così per metterlo alla prova;
perché sapeva bene quello che stava per fare.
7
Filippo gli rispose: «Duecento denari di pani non bastano perché ciascuno [di loro] ne riceva un pezzetto».
8
Uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro, gli disse:
9
«C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci;
ma che cosa sono per così tanta gente
10
Gesù disse: «Fateli sedere».
C’era molta erba in quel luogo.
La gente dunque si sedette, ed erano circa cinquemila uomini.
11
Gesù quindi prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì [ai discepoli, e i discepoli] alla gente seduta;
lo stesso fece dei pesci, quanti ne vollero.
12
Quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché niente si perda».
13
Essi quindi li raccolsero, e riempirono dodici ceste con i pezzi dei cinque pani d’orzo che erano avanzati a quelli che avevano mangiato.
14
La gente dunque, avendo visto il segno che Gesù aveva fatto, disse: «Questi è certo il profeta che deve venire nel mondo».
15
Gesù, quindi, sapendo che stavano per venire a rapirlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, da solo.


Gesù cammina sul mare

16
Quando fu sera, i suoi discepoli scesero al mare
17
e, montati in una barca, si diressero all’altra riva, verso Capernaum.
Era già buio e Gesù non era ancora venuto presso di loro.
18
Il mare era agitato, perché tirava un forte vento.
19
Come ebbero remato per circa venticinque o trenta stadi, videro Gesù camminare sul mare e accostarsi alla barca;
ed ebbero paura.
20
Ma egli disse loro: «Sono io, non temete».
21
Essi dunque lo vollero prendere nella barca, e subito la barca toccò terradove erano diretti.


Gesù, il pane della vita

22
Il giorno seguente, la folla che era rimasta sull’altra riva del mare si rese conto che là non c’era altro che una sola barca [, quella in cui erano saliti i discepoli,] e che Gesù non vi era salito con i suoi discepoli, ma che i discepoli erano partiti da soli.
23
Altre barche, intanto, erano giunte da Tiberiade, vicino al luogo dove avevano mangiato il pane dopo che il Signore aveva reso grazie.
24
La folla, dunque, quando ebbe visto che Gesù non era là, e nemmeno i suoi discepoli, montò [anch’essa] in quelle barche e andò a Capernaum in cerca di Gesù.
25
Trovatolo di là dal mare, gli dissero: «Rabbì, quando sei giunto qui?»
26
Gesù rispose loro: «In verità, in verità vi dico che voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato dei pani e siete stati saziati.
27
Adoperatevi non per il cibo che perisce, ma per il cibo che dura in vita eterna, e che il Figlio dell’uomo vi darà;
poiché su di lui il Padre, cioè Dio, ha posto il proprio sigillo».
28
Essi dunque gli dissero: «Che dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?»
29
Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
30
Allora essi gli dissero: «Quale segno fai, dunque, affinché lo vediamo e ti crediamo? Che operi?
31
I nostri padri mangiarono la manna nel deserto, come è scritto:
Egli diede loro da mangiare del pane venuto dal cielo».
32
Gesù disse loro: «In verità, in verità vi dico che non Mosè vi ha dato il pane che viene dal cielo, ma il Padre mio vi dà il vero pane che viene dal cielo.
33
Poiché il pane di Dio è quello che scende dal cielo, e dà vita al mondo».
34
Essi quindi gli dissero: «Signore, dacci sempre di questo pane».
35
Gesù disse loro: «Io sono il pane della vita;
chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete.
36
Ma io ve l’ho detto: “Voi {mi} avete visto, eppure non credete!”
37
Tutti quelli che il Padre mi dà verranno a me;
e colui che viene a me, non lo caccerò fuori;
38
perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.
39
Questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nessuno di quelli che egli mi ha dati, ma che li risusciti nell’ultimo giorno.
40
Poiché questa è la volontà del Padre mio: che chiunque contempla il Figlio e crede in lui, abbia vita eterna;
e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».
41
Perciò i Giudei mormoravano di lui perché aveva detto: «Io sono il pane che è disceso dal cielo».
42
Dicevano: «Non è costui Gesù, il figlio di Giuseppe, del quale conosciamo il padre e la madre? Come mai ora dice: “Io sono disceso dal cielo”?»
43
Gesù [allora] rispose loro: «Non mormorate tra di voi.
44
Nessuno può venire a me se il Padre che mi ha mandato non lo attira;
e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.
45
È scritto nei profeti:
Saranno tutti istruiti da Dio”.
Chiunque [perciò] ha udito il Padre e ha imparato da lui, viene a me.
46
Perché nessuno ha visto il Padre, se non colui che è da Dio;
egli ha visto il Padre.
47
In verità, in verità vi dico: chi crede [in me] ha vita eterna.
48
Io sono il pane della vita.
49
I vostri padri mangiarono la manna nel deserto e morirono.
50
Questo è il pane che discende dal cielo, affinché chi ne mangia non muoia.
51
Io sono il pane vivente che è disceso dal cielo;
se uno mangia di questo pane vivrà in eterno;
e il pane che io darò per la vita del mondo è la mia carne».
52
I Giudei dunque discutevano tra di loro, dicendo: «Come può costui darci da mangiare la sua carne
53
Perciò Gesù disse loro: «In verità, in verità vi dico che se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete vita in voi.
54
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha vita eterna;
e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.
55
Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue è vera bevanda.
56
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me, e io in lui.
57
Come il Padre vivente mi ha mandato e io vivo a motivo del Padre, così chi mi mangia vivrà anch’egli a motivo di me.
58
Questo è il pane che è disceso dal cielo;
non come quello che hanno mangiato i padri e sono morti;
chi mangia di questo pane vivrà in eterno».
59
Queste cose disse Gesù, insegnando nella sinagoga di Capernaum.


Gesù mette alla prova la lealtà dei discepoli

60
Perciò molti dei suoi discepoli, dopo aver udito, dissero: «Questo parlare è duro;
chi può ascoltarlo
61
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano di ciò, disse loro: «Questo vi scandalizza?
62
E che sarebbe se vedeste il Figlio dell’uomo ascendere dov’era prima?
63
È lo Spirito che vivifica;
la carne non è di alcuna utilità;
le parole che vi ho dette sono spirito e vita.
64
Ma tra di voi ci sono alcuni che non credono».
Gesù sapeva infatti fin dal principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito.
65
E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me se non gli è dato dal Padre [mio]».
66
Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui.
67
Perciò Gesù disse ai dodici: «Non volete andarvene anche voi?»
68
Simon Pietro [allora] gli rispose: «Signore, da chi andremmo noi? Tu hai parole di vita eterna!
69
E noi abbiamo creduto e abbiamo conosciuto che tu sei il Santo di Dio».
70
Gesù rispose loro: «Non ho io scelto voi dodici? Eppure uno di voi è un diavolo
71
Egli parlava di Giuda, figlio di Simone Iscariota, perché questi, uno dei dodici, stava per tradirlo.