Territorio toccato alla mezza tribù di Manasse

1
Questa fu la parte toccata in sorte alla tribù di Manasse, perché egli era il primogenito di Giuseppe.
Machir, primogenito di Manasse e padre di Galaad, siccome era un guerriero, aveva avuto Galaad e Basan.
2
Fu dunque sorteggiata una parte agli altri figli di Manasse, secondo le loro famiglie: ai figli di Abiezer, ai figli di Chelec, ai figli di Asriel, ai figli di Sichem, ai figli di Chefer, ai figli di Semida.
Questi sono i figli maschi di Manasse, figlio di Giuseppe, secondo le loro famiglie.
3
Or Selofead, figlio di Chefer, figlio di Galaad, figlio di Machir, figlio di Manasse, non ebbe figli, ma ebbe delle figlie;
questi sono i loro nomi: Mala, Noa, Cogla, Milca e Tirsa.
4
Queste si presentarono davanti al sacerdote Eleazar, davanti a Giosuè figlio di Nun e davanti ai capi, e dissero: «Il Signore comandò a Mosè di darci un’eredità in mezzo ai nostri fratelli».
E Giosuè diede loro un’eredità in mezzo ai fratelli del padre loro, conformemente all’ordine del Signore.
5
Toccarono così dieci parti a Manasse, oltre il paese di Galaad e di Basan che è di là dal Giordano;
6
poiché le figlie di Manasse ebbero un’eredità in mezzo ai figli di lui, e il paese di Galaad fu per gli altri figli di Manasse.
7
Il confine di Manasse si estendeva da Ascer a Micmetat, che si trova di fronte a Sichem, e girava a destra verso gli abitanti di En-Tappuà.
8
Il paese di Tappuà appartenne a Manasse;
ma Tappuà, sul confine di Manasse, appartenne ai figli di Efraim.
9
Poi il confine scendeva al torrente di Cana, a sud del torrente, presso città che appartenevano a Efraim in mezzo alle città di Manasse;
ma il confine di Manasse era dal lato nord del torrente, e terminava al mare.
10
Ciò che era a mezzogiorno apparteneva a Efraim;
ciò che era a settentrione apparteneva a Manasse, e il mare era il loro confine;
a settentrione confinavano con Ascer, e a oriente con Issacar.
11
In Issacar e in Ascer, Manasse ebbe anche Bet-Sean con i suoi villaggi, Ibleam con i suoi villaggi, gli abitanti di Dor con i suoi villaggi, gli abitanti di En-Dor con i suoi villaggi, gli abitanti di Taanac con i suoi villaggi, gli abitanti di Meghiddo con i suoi villaggi: vale a dire tre regioni elevate.
12
Ma i figli di Manasse non poterono impadronirsi di quelle città;
i Cananei erano decisi a restare in quel paese.
13
Però, quando i figli d’Israele si furono rinforzati, assoggettarono i Cananei a servitù, ma non li scacciarono del tutto.
14
I figli di Giuseppe dissero a Giosuè: «Perché ci hai dato come eredità un solo lotto, una parte sola? Noi siamo un gran popolo che il Signore ha benedetto abbondantemente».
15
E Giosuè disse loro: «Se siete un popolo numeroso, salite alla foresta e dissodatela per farvi del posto nel paese dei Ferezei e dei Refaim, dato che la regione montuosa di Efraim è troppo esigua per voi».
16
Ma i figli di Giuseppe risposero: «Quella regione montuosa non ci basta;
e quanto al territorio della pianura, tutti i Cananei che l’abitano hanno dei carri di ferro: sia quelli che stanno a Bet-Sean e nei suoi villaggi, sia quelli che stanno nella valle d’Izreel».
17
Allora Giosuè parlò alla casa di Giuseppe, a Efraim e a Manasse, e disse loro: «Voi siete un popolo numeroso e avete una gran forza;
non avrete una parte sola;
18
ma vostra sarà la regione montuosa;
e siccome è una foresta, la dissoderete, e sarà vostra in tutta la sua distesa, poiché voi scaccerete i Cananei, benché abbiano dei carri di ferro e benché siano potenti».