La missione dei dodici apostoli

1
Gesù, convocati i dodici, diede loro potere e autorità su tutti i demòni e di guarire le malattie.
2
Li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire {i malati}.
3
E disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio: né bastone, né sacca, né pane, né denaro, e non abbiate tunica di ricambio.
4
In qualunque casa entrerete, rimanete lì e da lì ripartite.
5
Quanto a quelli che non vi riceveranno, uscendo da quella città, scuotete [persino] la polvere dai vostri piedi, in testimonianza contro di loro».
6
Ed essi, partiti, andavano di villaggio in villaggio, evangelizzando e operando guarigioni dappertutto.


Perplessità di Erode

7
Erode il tetrarca udì parlare di tutti quei fatti;
ne era perplesso, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risuscitato dai morti»,
8
altri dicevano: «È apparso Elia» e altri: «È risuscitato uno degli antichi profeti».
9
Ma Erode disse: «Giovanni l’ho fatto decapitare;
chi è dunque costui del quale sento dire queste cose?» E cercava di vederlo.


Moltiplicazione dei pani per cinquemila uomini

10
Gli apostoli ritornarono e raccontarono a Gesù tutte le cose che avevano fatte;
ed egli li prese con sé e si ritirò in disparte verso [un luogo deserto di] una città chiamata Betsàida.
11
Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono;
ed egli li accolse e parlava loro del regno di Dio, e guariva quelli che avevano bisogno di guarigione.
12
Or il giorno cominciava a declinare;
e i dodici, avvicinatisi, gli dissero: «Lascia andare la folla, perché se ne vada per i villaggi e per le campagne vicine per trovarvi cibo e alloggio, perché qui siamo in un luogo deserto».
13
Ma egli disse loro: «Date loro voi da mangiare».
Ed essi obiettarono: «Noi non abbiamo altro che cinque pani e due pesci;
a meno che non andiamo noi a comprar dei viveri per tutta questa gente».
14
Perché c’erano circa cinquemila uomini.
Ed egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di una cinquantina».
15
E così li fecero accomodare tutti.
16
Poi Gesù prese i cinque pani e i due pesci, alzò lo sguardo al cielo e li benedisse, li spezzò e li diede ai suoi discepoli perché li distribuissero alla gente.
17
Tutti mangiarono e furono saziati, e dei pezzi avanzati si portarono via dodici ceste.


Pietro riconosce in Gesù il Cristo

18
Mentre egli stava pregando in disparte, i discepoli erano con lui;
ed egli domandò loro: «Chi dice la gente che io sia?»
19
E quelli risposero: «Alcuni dicono Giovanni il battista;
altri, Elia, e altri, uno dei profeti antichi che è risuscitato».
20
Ed egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?» Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».
21
Ed egli ordinò loro di non dirlo a nessuno, e aggiunse:
22
«Bisogna che il Figlio dell’uomo soffra molte cose e sia respinto dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, sia ucciso e risusciti il terzo giorno».


Il prezzo del discepolato

23
Diceva poi a tutti: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua.
24
Perché chi vorrà salvare la sua vita la perderà, ma chi avrà perduto la propria vita per causa mia la salverà.
25
Infatti, che serve all’uomo guadagnare tutto il mondo, se poi perde o rovina se stesso?
26
Perché se uno ha vergogna di me e delle mie parole, il Figlio dell’uomo avrà vergogna di lui, quando verrà nella gloria sua e del Padre e dei santi angeli.
27
Ora io vi dico in verità che alcuni di quelli che sono qui presenti non gusteranno la morte, finché non abbiano visto il regno di Dio».


La trasfigurazione

28
Circa otto giorni dopo questi discorsi, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo, e salì sul monte a pregare.
29
Mentre pregava, l’aspetto del suo volto fu mutato e la sua veste divenne di un candore sfolgorante.
30
Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elia,
31
i quali, apparsi in gloria, parlavano della sua dipartita che stava per compiersi in Gerusalemme.
32
Pietro e quelli che erano con lui erano oppressi dal sonno;
e, quando si furono svegliati, videro la sua gloria e i due uomini che erano con lui.
33
Come questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bene che stiamo qui;
facciamo tre tende: una per te, una per Mosè e una per Elia».
Egli non sapeva quello che diceva.
34
Mentre parlava così, venne una nuvola che li avvolse;
e i discepoli temettero quando essi entrarono nella nuvola.
35
E una voce venne dalla nuvola, dicendo: «Questo è mio Figlio, colui che io ho scelto;
ascoltatelo».
36
Mentre la voce parlava, Gesù si trovò solo.
Ed essi tacquero e in quei giorni non riferirono nulla a nessuno di quello che avevano visto.


Guarigione di un indemoniato

37
Il giorno seguente, quando essi scesero dal monte, una gran folla andò incontro a Gesù.
38
Un uomo dalla folla gridò: «Maestro, ti prego, volgi lo sguardo a mio figlio: è l’unico che io abbia.
39
Ecco, uno spirito si impadronisce di lui e subito egli grida;
e lo spirito lo contorce, facendolo schiumare, e a fatica si allontana da lui, dopo averlo straziato.
40
Ho pregato i tuoi discepoli di scacciarlo, ma non hanno potuto».
41
Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa, fino a quando sarò con voi e vi sopporterò? Porta qui tuo figlio».
42
Mentre il ragazzo si avvicinava, il demonio lo gettò per terra e cominciò a contorcerlo con le convulsioni;
ma Gesù sgridò lo spirito immondo, guarì il ragazzo e lo rese a suo padre.
43
E tutti rimasero sbalorditi della grandezza di Dio.
Mentre tutti si meravigliavano di tutte le cose che [Gesù] faceva, egli disse ai suoi discepoli:
44
«Voi, tenete bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini».
45
Ma essi non capivano queste parole che erano per loro velate, così da risultare incomprensibili, e temevano di interrogarlo su quanto aveva detto.


L’umiltà, segreto della vera grandezza;
condanna dello spirito settario


46
Poi cominciarono a discutere su chi di loro fosse il più grande.
47
Ma Gesù, conosciuto il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo pose accanto e disse loro:
48
«Chi riceve questo bambino nel nome mio, riceve me;
e chi riceve me, riceve Colui che mi ha mandato.
Perché chi è il più piccolo tra tutti voi, quello è grande».
49
Allora Giovanni disse: «Maestro, noi abbiamo visto un tale che scacciava demòni nel tuo nome, e glielo abbiamo vietato perché non ti segue con noi».
50
Ma Gesù gli disse: «Non glielo vietate, perché chi non è contro di voi è per voi».


Gesù in Samaria

51
Poi, mentre si avvicinava il tempo in cui sarebbe stato tolto dal mondo, Gesù si mise risolutamente in cammino per andare a Gerusalemme.
52
Mandò davanti a sé dei messaggeri, i quali, partiti, entrarono in un villaggio dei Samaritani per preparargli un alloggio.
53
Ma quelli non lo ricevettero perché era diretto verso Gerusalemme.
54
Veduto ciò, i [suoi] discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che un fuoco scenda dal cielo e li consumi [come fece anche Elia]?»
55
Ma egli si voltò verso di loro e li sgridò.
[E disse: «Voi non sapete di quale spirito siete animati.
56
Poiché il Figlio dell’uomo non è venuto per perdere le anime degli uomini, ma per salvarle».] E se ne andarono in un altro villaggio.


Come seguire Gesù

57
Mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: «Io ti seguirò dovunque andrai».
58
E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
59
A un altro disse: «Seguimi».
Ed egli rispose: «{Signore,} permettimi di andare prima a seppellire mio padre».
60
Ma egli gli disse: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti;
ma tu va’ ad annunciare il regno di Dio».
61
Un altro ancora gli disse: «Ti seguirò, Signore, ma lasciami prima salutare quelli di casa mia».
62
Ma Gesù {gli disse}: «Nessuno che abbia messo la mano all’aratro e poi volga lo sguardo indietro è adatto per il regno di Dio».